Mercoledi 23 agosto 2017 02:26

A “L’Arena” su Rai 1 Giletti e Salvini show «Napoli città indecorosa». L’ennesima bagarre giusto per fare audience




Siamo alle solite, la stessa bagarre su Napoli, giusto per fare audience. In una puntata del programma di Massimo Giletti "L'Arena" anzichè discutere sui problemi reali del sud e sulla mancanza di politiche adeguate per la sua rinascita o magari sull'invio di qualche poliziotto per contrastare la criminalità si è parlato dei biglietti gratuiti per l'ingresso allo stadio San Paolo. Nulla di male, vista l'attualità dell'argomento, se al dibattito non avesse partecipato il leader della Lega Nord, Matteo Salvini semplicemente perchè nulla c'entrava con il tema trattato. Nel bel mezzo del confronto, al quale in rappresentanza della città di Napoli hanno preso parte l'assessore al patrimonio Alessandro Fucito e due consiglieri comunali Carlo Iannello e Antonio Crocetta, ecco che parte la diffamazione su Napoli da parte dello stesso ospite "fuori posto" Salvini «Napoli è nel baratro c’è spazzatura ovunque, non funziona nulla, dai mezzi pubblici alla delinquenza. Mi scrivono i napoletani in diretta per raccontare queste verità». Un'uscita, questa, fuori dalle righe, inappropriata dal momento che nulla aveva a che fare con la questione dei privilegi della politica e i biglietti per lo stadio San Paolo ai consiglieri comunali. Inevitabile la bufera sui social visto anche l'avvallo dello stesso Massimo Giletti che in diretta ha detto «Voi iniziate a far andare avanti la vostra città che è indecorosa e in certi punti abbandonata. Quando si esce dalla Stazione Centrale si trova immondizia in tutti i vicoli. I napoletani, che sono per la maggior parte onesti, subiscono da troppo tempo una politica molto scarsa. Non spetta a me fare il politico ma si faccia un giro intorno alla Stazione Centrale e veda il degrado. Prenda un teno della metropolitana e chieda ai pendolari». Deboli le risposte di chi rappresentava Napoli che hanno incentrato la polemica esclusivamente sul fatto che nel corso della trasmissione non si è voluto dare il giusto spazio ai problemi del sud Italia. Crocetta «La Rai non vuole parlare del Meridione. Mentre lei fa campagna elettorale, il Governo rimane assente su Napoli». «Non dia regole alla Rai - replica duramente Giletti - che ha già fatto un gran lavoro andando a raccontare con film e fiction i problemi della camorra». Dunque, un a vera e propria arena è stata quella di Massimo Giletti su Rai 1 dove è stato ribadito e decretato che in un modo o nell'altro Napoli deve essere sempre disonorata e infangata. Una scelta che, chi la prende, poi si assumi le sue responsabilità perchè senza Napoli non si vive e perchè i napoletani, stanchi, possono anche adottare forme di protesta come si legge sui social network "Giletti sempre pronto a infangare Napoli addirittura in presenza di Salvini. E dovremmo pagare il canone Rai? La vera emergenza rifiuti è negli studi Rai". Purtroppo si verificheranno sempre episodi del genere ma quello che il diffamatore di turno non capirà mai che nessuno dei suoi cittadini nega che Napoli è una città con grossi ed evidenti problemi ma continuerà ugualmente ad amarla perchè ben conoscono la bellezza, il valore, l'entusiasmo, la voglia di crescere e la cultura della città. © Riproduzione riservata