Giovedi 21 settembre 2017 12:39

Maradona, il San Carlo e le polemiche da Funiculì Funiculà

04 gennaio 2017



La prima polemica del 2017 napoletano è sullo spettacolo per il trentennale del primo scudetto del Napoli al Teatro San Carlo. Sul palco del Massimo partenopeo si esibiranno Diego Armando Maradona, Alessandro Siani e Clementino per una One night dedicata al tricolore del 1987. La scelta ha provocato una levata di scudi da parte di una certa schiera di intellettuali. È un sacrilegio, hanno tuonato in coro. Non è accettabile che un ex calciatore salga sullo stesso palco dove si sono esibiti Rossini e Donizetti. Risulta strano, però, che la stessa intellighenzia non abbia proferito parola quando, nelle sale San Carlo, si sono tenute dimostrazioni di prodotti cosmetici. Al di là del palese doppiopesismo, la polemica è bacchettona, offensiva e retrograda. Maradona, Siani e Clementino non toglieranno dignità al San Carlo. Stiamo parlando di due artisti di valore e del più celebre personaggio legato alla città. Meriterebbero maggiore rispetto. Il loro spettacolo sarà bello o brutto, questo si vedrà poi. Ma è offensivo bollarli come inadeguati a prescindere. Fa sorridere, inoltre, che nel 2017 c'è chi crede che il palco di un teatro non possa accogliere una forma artistica diversa da quella tradizionale. Il mondo cambia, e con esso cambiano i gusti e le inclinazioni del pubblico. Non a caso biglietti stanno andando a ruba. Qualcuno, da queste parti, crede invece che tutto sia immutabile. Nei salotti buoni proliferano i cultori della "Napoli di una volta". Ricordano Funiculì Funiculà, il serial killer tradizionalista di "No grazie, il caffè mi rende nervoso". Chiedono di non cambiare nulla in una città che più di qualunque altra ha bisogno di cambiamento. Sono sempre pronti a scandalizzarsi, ma mai per i problemi reali. In prima fila quando si tratta di porre veti, in ultima quando c'è da offrire soluzioni. Tra la polemica su Nalbero e quella su Maradona al San Carlo, l'apporto dell'intellettualità napoletana è tutto qui.

© Riproduzione riservata