Diario Partenopeo

Notizie ed Eventi della citta' di Napoli


Bagnoli, è iniziata la conferenza dei servizi per la bonifica. Renzi: «Una schifezza voluta dall’incapacità della classe politica»




NAPOLI - E' iniziata stamane in Prefettura a Napoli la conferenza dei servizi sulla bonifica di Bagnoli che dovrà definire il piano di riqualificazione elaborato dalla cabina di regia istituita dal governo. Alla riunione partecipano il commissario per la bonifica Salvatore Nastasi, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, i tecnici di Invitalia e dei ministeri per l'ambiente e per le infrastrutture. Mentre il Comune di Napoli ha inviato due tecnici, dei dipartimenti urbanistica e ambiente non avendo voluto partecipare, come annunciato, il sindaco Luigi De Magistris. Alla vigilia dell'apertura della conferenza dei servizi, che si dovrebbe concludere il prossimo 14 maggio 2016, dopodiché dovrebbe partire la procedura per le gare d'appalto per la bonifica, è intervenuto il premier Matteo Renzi che nel corso della diretta twitter e facebook #matteorenzirisponde ha detto «Mi piacerebbe postare il grandissimo progetto per la pulizia a Bagnoli, lasciata per anni a marcire. Una schifezza voluta dall'incapacità della classe politica del passato. Per anni nessuno ha fatto niente, quelli del Comune hanno fatto orecchie da mercante. Noi la cosiddetta colmata la toglieremo grazie al lavoro del governo e del commissario Nastasi e di Invitalia». Quello di Bagnoli, tuttavia, non è l'unica questione campana su cui il presidente del Consiglio si vorrebbe soffermare tanto che ha elencato anche i casi di Pompei, Nisida, della Napoli- Bari e della Terra dei fuochi annunciando «In uno dei prossimi #matteorisponde ci sarà De Luca. Spero che nelle prossime settimane presenteremo i progetti per la Campania. E' molto importante evidenziare che la gara è partita per le ecoballe: ci sono 450 milioni di euro e toglieremo quell'autentica vergogna. Non parleremo mai più di Terra dei fuochi perché riusciremo a rimettere a posto quell'area grazie al presidente della Regione e al governo». Poi concludendo si è lasciato andare ad una battuta «Sono stato a Napoli due volte negli ultimi giorni, se ci torno una terza volta a qualcuno gli prende uno stranguglione. E' ora di fare una pausa». Sebbene l'interesse di Renzi alle questioni campane sia su più fronti, il tema caldo che balza continuamente alle cronache in questo periodo è il caso Bagnoli avendo in seno anche la questione degli espropri e degli abusi al quale De Magistris si è detto contrario sostenendo che così «si vuole espropriare la città e deportare i cittadini di Bagnoli», dichiarazione fortemente criticata da Gianni Lettieri, uno dei suo sfidanti al Comune che ha accusato il sindaco di «preoccuparsi degli abitanti di Bagnoli solo per interesse politico». Nel frattempo, mentre si discute sul futuro di Bagnoli, nel pomeriggio comitati, centri sociali e associazioni si riuniranno in piazza Municipio per spiegare il loro punto di vista sul piano Invitalia e sulla questione Bagnoli. © Riproduzione riservata