Martedi 25 luglio 2017 04:46
Diario Partenopeo

Notizie ed Eventi della citta' di Napoli


Condividi la petizione per l’hashtag “Napoli” sul lungomare




Napoli, negli ultimi cinque anni, è divenuta una delle mete più frequentate dai turisti di tutto il mondo. La chiusura di alcuni tratti di via Caracciolo nel 2011 con la creazione del "Lungomare liberato" ha portato la litoranea a diventare un punto di ritrovo per chi visita la città e per gli stessi napoletani. Ogni giorno l'area della rotonda Diaz è affollata di migliaia di persone che, da lì, ammirano la bellezza del golfo. In quel punto, uno dei più suggestivi del lungomare, chiediamo di installare un banner recante la scritta #Napoli che possa diventare punto di aggregazione e di mescolanza tra partenopei e turisti. Le scritte in città sono uno strumento di marketing a costi contenuti che hanno maggior successo. La prima, storica, scritta è apparsa ad Amsterdam nel 2004. Negli ultimi anni tante altre città, come Nizza, hanno seguito l'esempio.

Un'iniziativa a basso costo

L'installazione ha un costo limitato e comunque sostenibile per l'amministrazione. La grandezza e i materiali usati permettono di creare un effetto suggestivo con un investimento tutt'altro che proibitivo.

Ecosostenibile

Il banner può essere creato con materiali riciclati, in modo da rispettare l'ambiente e dare un'esempio concreto della validità della raccolta differenziata e della rivitalizzazione dei rifiuti solidi.

Non è invasiva

Il banner, posizionato al centro della rotonda Diaz, non occluderebbe la vista del panorama. Anzi finirebbe per diventare parte integrante dell'ambiente. Essendo alto meno di due metri permetterebbe a chi passeggia di ammirare ugualmente il golfo, Chiaia e la collina di Pizzofalcone. Il basamento con rotelle permetterebbe di spostarlo lungo via Caracciolo nel caso in cui ci sia necessità di liberare la rotonda Diaz.

È una valida strategia di marketing

Il banner diventerebbe una tappa d'obbligo per i turisti che vogliono scattare una foto ricordo. Nell'epoca dei social network tutto ciò porterebbe ad una maggiore riconoscibilità grazie alle migliaia di fotografie che, ogni giorno, sarebbero condivise. L'amministrazione, inoltre, potrebbe sfruttare la scritta per lanciare contest dedicati ai turisti e, perché no, ai napoletani.

Aggrega

Il banner rappresenterebbe uno straordinario strumento aggregativo. Napoletani e turisti si ritroverebbero nello stesso posto con un ovvio aumento della socialità per una mescolanza che gioverebbe all'immagine della città.

 

CLICCA QUI PER SOSTENERE LA PETIZIONE