Lunedi 18 dicembre 2017 12:03

Cuore Napoli Basket, presentato il nuovo staff tecnico
Il presidente Ruggiero: «Abbiamo prolungato il contratto di Ciccio. Crediamo nelle sue qualità tecniche, umane e culturali».

31 luglio 2017



NAPOLI - Nel pomeriggio è stato presentato, al PalaBarbuto, il nuovo staff tecnico del Cuore Napoli Basket. Confermati il capo allenatore, Francesco Ponticiello (miglior coach della Serie B 2016/17, ndr), l'assistente, Armando Trojano ed il preparatore atletico, Aldo Chiari. Si occuperanno del settore giovanile Mimmo Battaglia e Giovanni Dalla Libera. Due le new entry: Aldo Russo, che ha lavorato con il coach azzurro a Reggio Calabria e Vittorio Scotto. «Il nostro staff deve avere una cognizione dei compiti - ha detto coach Ponticiello in conferenza stampa -, che sono più importanti delle gerarchie. È fondamentale essere in grado di instillare un senso di responsabilità nel lavoro con i giocatori. Il segreto è saper declinare il pronome personale in forma plurale, noi, invece, di io. Questa stagione è estremamente importante. Il livello della professionalità deve necessariamente innalzarsi. Una separazione troppo netta tra la prima squadra e l'attività giovanile è disfunzionale al contesto contemporaneo della pallacanestro nostrana». Sul roster: «Abbiamo provato a costruire una squadra con caratteristiche complementari. Qualunque giocatore può essere schierato in almeno due ruoli. Potremo variare diverse tipologie di quintetti. La differenza la farà proprio questo aspetto. Abbiamo scelto giocatori adatti al nostro sistema, compatibili con le nostre esigenze. Non abbiamo badato alla carta di identità».

«Sono un allenatore-tifoso»

È, poi, intervenuto l'assistant coach, Armando Trojano: «È un onore poter far parte della squadra della mia città. Sono un allenatore-tifoso. Tifavo per il Napoli Basket degli anni '80. La mia felicità è enorme. Il prossimo campionato sarà molto duro, però siamo pronti ad affrontarlo».

«Si realizza un mio sogno»

Una delle new entry, Aldo Russo ha espresso la sua emozione per questa nuova avventura: «Sono estremamente orgoglioso di essere qui. Nel 2006 ero un allenatore del settore giovanile della Eldo Napoli. Oggi si realizza un mio sogno: essere l'assistant coach della squadra della mia città. È un emozione molto forte. Mi contraddistingueranno integrazione ed umiltà per essere d'aiuto ad uno staff che ha fatto benissimo. Sono molto emozionato».

«Collaborerò con uno staff di primo livello»

Vittorio Scotto, tra i volti nuovi del settore giovanile, ha spiegato i suoi diktat nell'impostazione del lavoro: «Ringrazio la società per questa grande opportunità. Collaborerò con uno staff di primissimo livello. La vera differenza la fanno l'aspetto tecnico, etico e morale del lavoro. Sono felicissimo di tornare nella mia città e nel mio quartiere. Vengo da una scuola Toscana, dove la mentalità è orientata molto sulla progettualità».

 

Il punto sulla pre-season

Il preparatore atletico degli azzurri, Aldo Chiari ha tracciato le linee guida del precampionato: «L'A2 sarà più impegnativa. Le parole d'ordine saranno sinergia e fiducia. La pre-season ha la funzione di educare alle modalità di lavoro. Il concetto è quello di allenare i giocatori al metodo di lavoro e testarli. Gli allenamenti saranno individualizzati. Questa fase ci permette di interagire con i feedback dei vari atleti e strutturare qualcosa che sarà operativo nel corso della stagione».

«Abbiamo prolungato il contratto di Ciccio»

Il patron dei partenopei, Ciro Ruggiero ha espresso, infine, la sua fiducia incondizionata nel lavoro del coach: «Abbiamo prolungato il contratto di Ciccio. Crediamo nelle sue qualità tecniche, umane e culturali. È un vero napoletano. E dico di più: stiamo pensando ad un prolungamento di dieci anni. Vogliamo diventare vecchietti insieme. Costruiremo un settore giovanile di prim'ordine. Questo è il progetto che abbiamo sempre voluto».

© Riproduzione riservata