Martedi 21 agosto 2018 00:12

Toccafondi su Marie-Sainte: «Il ragazzo è giovane e di talento. Napoli gli farà bene»
Toccafondi a Radio Crc: «Andrew Delly Marie-Sainte il nuovo Varane? Fisicamente gli somiglia, è alto ed ha i capelli caraibici, ma deve dimostrarlo».

01 febbraio 2017

Il presidente del Prato, Paolo Toccafondi, ha parlato a Radio Crc nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete”: «Andrew Delly Marie-Sainte il nuovo Varane? Fisicamente gli somiglia, è alto ed ha i capelli caraibici, ma deve dimostrare ancora tanto. Ha doti per diventare un calciatore importante, di primo livello». È questo il nome del difensore classe ’98 appena arrivato in casa Napoli. La società partenopea ha ufficializzato ieri l’acquisizione dal Prato (a titolo temporaneo) delle prestazioni del giocatore francese.

La scelta della società azzurra

«Il calciatore è in prestito fino a giugno. Il Napoli lo valuterà e poi deciderà se acquistarlo o meno. C’è un diritto di riscatto, non un obbligo - continua Toccafondi -, si tratta di un’operazione in linea con quelle di Giuntoli. Il ds azzurro ci vede lungo e scopre giocatori sconosciuti ai più ma che poi si rivelano di grande livello». Non si tratta di una mossa inusuale: «Non è la prima operazione del Napoli fatta in questo modo, poi c’è il torneo di Viareggio e il club vuole ben figurare».

«Sta a lui dimostrare di valere e convincere il Napoli»

Toccafondi ha parlato anche del carattere e delle qualità del giocatore: «Andrew non parla molto, è un ragazzo chiuso che arriva da 10mila chilometri di distanza e un po' di Napoli gli farà bene. Penso sia una fortuna per un ragazzo di 18 anni fare un’esperienza del genere e ora sta a lui dimostrare di valere e convincere il Napoli a trattenerlo». Il calciatore non è stato però molto utilizzato dal Prato: «Perché ha giocato solo 2 partite? Questa domanda mi fa arrabbiare, gli allenatori sono un po' particolari. Noi dovremmo valorizzare i giovani, ma c’è anche da dire che è stato sfortunato perché si è infortunato 2 volte. E poi, cambiando allenatore, ha dovuto ricominciare sempre da zero. Lavorare con lo staff del Napoli lo farà crescere».

© Riproduzione riservata