Giovedi 17 agosto 2017 04:57

Napoli-Juve. Sarri: «Dobbiamo mettere in campo la passione della città»
Il tecnico del Napoli ha caricato la squadra alla vigilia del match contro la Juventus facendo leva sulle aspettative del pubblico

01 aprile 2017



«Domani si gioca una partita speciale per la città, la squadra dovrà interpretare la passione dei nostri tifosi». Maurizio Sarri carica il Napoli alla vigilia della sfida di domani sera contro la Juventus. Nella conferenza di presentazione del match di campionato, che precederà il replay di Coppa Italia di mercoledì, il tecnico azzurro parla senza mezzi termini, inquadrando l'importanza della partita per la piazza. «I ragazzi lo sanno bene, voglio che sentano quanto la nostra gente tiene a questa gara. Contro la Juve non sarà mai una sfida normale».

Articoli correlati

Allegri: «Partita dell'anno per gli azzurri. Noi abituati»
Napoli-Juve, sfida da un miliardo di telespettatori
Le probabili formazioni: in dubbio Mandzukic e Dybala
De Magistris: «Higuain? Oltre al fischio, la pernacchia ci sta tutta»
Juve arriva a Napoli, la città l'accoglie con indifferenza

«Non dobbiamo pensare a mercoledì»

Il doppio confronto contro i bianconeri è uno scherzo del calendario. Ma Sarri non ha dubbi: meglio pensare una partita alla volta. «Il nostro dietropensiero alla gara di mercoledì deve essere zero. Ripeto: la gara che conta è solo la prossima. A mercoledì ci penseremo dopo». La partita di domani vedrà il ritorno al San Paolo da avversario di Higuain. «Sa cosa penso di lui tecnicamente perché gliel'ho già detto tante volte. Questo basta. Poi per il resto - afferma il tecnico - è un avversario come tutti gli altri».

Resta il dubbio Reina

In casa Napoli il dubbio principale è legato alla presenza di Pepe Reina. Sarri non scioglie le riserve. «Bisognerà vedere come sta e quale efficienza può avere al di là degli esami strumentali. Pepe è un ragazzo maturo, decideremo con lui la cosa migliore da fare». Anche la Juve dovrà fare a meno di alcuni elementi ma per Sarri «conterà più l'aspetto mentale che quello tecnico». «Al di là degli schemi i calciatori si conoscono. Si tratta di una partita importante che si gioca su livelli ai quali la Juve è più abituata di noi».

© Riproduzione riservata