Sabato 21 ottobre 2017 06:47

Disfatta a Bergamo, crolla un Napoli imbarazzante




BERGAMO - Napoli inguardabile. Il più brutto della gestione Benitez, che esce male dall'Atleti Azzurri d'Italia. Gli azzurri palesano tutti i propri limiti, tutte le mancanze di una rosa ancora incompleta. Sorprese di formazione nel Napoli, Benitez preserva i diffidati in vista del Milan. Fuori Higuain, Hamsik e Jorginho a sorpresa, dentro Zapata, Pandev e Dzemaili. Inizio poco convincente del Napoli che nei primi minuti non riesce a dare continuità alla manovra. L'Atalanta è ben messa in campo da Colantuono, che propone una squadra corta e aggressiva. Gli azzurri trovano difficoltà a creare gioco. Inler e Dzemaili, nel primo quarto d'ora, non riescono mai a dare profondità alla manovra. Primo squillo del Napoli al 18', è Mertens a tirare di poco al lato dal vertice sinistro. La prima conclusione dei padroni di casa arriva due minuti dopo, il colpo di testa di Buonaventura si spegne sulla traversa. Al 23' gioco fermo per intemperanze: i supporters bergamaschi fanno esplodere due petardi, Rizzoli ferma il gioco e chiede un annuncio dello speaker. Pochi minuti dopo, scontro di gioco fra Consigli e Yepes. Il portiere atalantino riprende con una vistosa fasciatura alla testa. Al 33' bella sgroppata di Callejon, lo spagnolo serve a Zapata che arriva sul pallone dopo Consigli. Yepes non ce la fa, lo scontro precedente gli costa una perdita di sangue dall'orecchio. Al suo posto, entra Lucchini. Il Napoli guadagna campo, ma non riesce a rendersi pericoloso. L'attacco azzurro palesa le solite difficoltà nell'arrivare al tiro, Zapata risulta avulso dal gioco. La prima frazione si conclude con la pressione dei bergamaschi nei quattro minuti di recupero, il Napoli dà l'impressione di non poter fare di più senza dei cambi nella ripresa. Nel secondo tempo, passa un minuto e l'Atalanta è già in vantaggio. Ancora un goal dell'ex Denis, complici Dzemaili e la difesa azzurra. Il centrocampista svizzero perde palla in fase di disimpegno, buco centrale e conclusione vincente dell'attaccante argentino con la complicità di Reina. Il tiro è centrale, il portiere spagnolo la fa grossa deviando la palla in rete. Pochi minuti e ancora un brivido per il Napoli, Bonaventura va in percussione approfittando della mancanza di filtro in mediana. L'azione però si perde, il Napoli è fortunato a non subire il raddoppio. Colantuono inserisce Cigarini per Baselli al 57'. Risponde Benitez con Higuain al posto del deludente Zapata. Una manciata di secondi e il Napoli ha la palla del pareggio. Brutto errore di Mertens che mette fuori una conclusione a botta sicura. La prima conclusione pericolosa del Pipita arriva cinque minuti dopo, da fuori area. Consigli si distende e mette in angolo. Sul rovesciamento di fronte l'Atalanta raddoppio. Tocco disastroso di Inler che libera Denis davanti al portiere, il bomber bergamasco non sbaglia. Ai due svizzeri della mediana azzurra non riesce praticamente niente. Al 66' ammonizione per simulazione a Mertens. Consigli ostacola il belga che cade, il giallo appare una punizione eccessiva. Al 69' il Napoli crolla. Fernandez è imbarazzante su Moralez che lo supera e batte Reina per la terza volta. Esordisce Ghoulam al 74', ma la partita è praticamente finita. Con lui, dentro anche Jorginho per un insufficiente Dzemaili. Il brasiliano prova subito da fuori, palla alta sulla traversa. Napoli in sofferenza, gli azzurri non riescono a trovare il bandolo della matassa. Pandev potrebbe accorciare le distanze all'81' ma la spara in bocca a Consigli. Non succede più niente, l'Atalanta porta a casa il 3-0. Una sconfitta durissima per il Napoli. La speranza è che non lasci strascichi, ora non è più possibile rimediare sul mercato. © Riproduzione riservata