Mercoledi 22 novembre 2017 08:33

Napoli, allarme processionaria: colpiti cani ed esseri umani
Allarme processionaria a Napoli: l'insetto, particolarmente urticante per gli umani e per gli animali, è stato segnalato in piazza Mazzini e piazza Cesarea

04 aprile 2017



NAPOLI - Allarme processionaria a Napoli. L'insetto è sbarcato anche all'ombra del Vesuvio dopo una serie di segnalazioni e lamentele in altre parti d'Italia. Allo stato larvale presenta una folta peluria che si rivela particolarmente urticante per gli animali e per l'uomo. Negli ultimi giorni si sono verificati vari casi di contatto tra le larve, gli umani egli animali. Alcuni cani sono stati addirittura operati al muso a causa del contatto con la peluria. Del caso si sta interessando La Radiazza, programma in onda su Radio Marte, dopo la segnalazione di una signora che ha inviato foto delle lesioni causate dal contatto con l'insetto.

«Chiediamo all’Asl e al Comune di predisporre immediatamente interventi per combattere la presenza della processionaria perché ci sono stati segnalati diversi casi», fanno sapere il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e Gianni Simioli de La Radiazza. «I cani che le toccano con il muso sono spesso costretti a interventi chirurgici, mentre per le persone che entrano in contatto con la peluria le conseguenze sono irritazioni evidenti della pelle». «I tanti casi registrati in tutta Italia - proseguono Borrelli e Simioli - fanno pensare a una presenza straordinaria in questo periodo e, quindi, tutte le Asl e i Comuni dovrebbero correre ai ripari per evitare altri contatti con animali e persone come è successo in piazza Mazzini e in piazza Cesarea, all’altezza della scuola Vincenzo Cuoco dove sono state colpite sia mamme e che bambini».

© Riproduzione riservata