Giovedi 23 novembre 2017 00:58

Il Napoli sbanca San Siro. Milan umiliato, finisce 4-0




Vincere a San Siro contro il Milan con quattro goal di scarto non era mai successo nella storia del Napoli. E' successo stasera con gli azzurri che hanno annichilito i rossoneri con una severissima lezione. Dominio per 90 minuti con pressing, intensità, tenuta difensiva. Dopo la vittoria contro la Juventus di sabato scorso e il 2-0 di giovedì a Varsavia, il Napoli conclude la settimana perfetta. Inizio con buona intensità da parte di entrambe le squadre. Il Milan ci mette voglia ma mostra alcuni segnali preoccupanti. Il primo tiro alto di Montolivo arriva dopo soli tre minuti ma i successivi contropiedi del Napoli mostrano le falle non ancora risolte della fase difensiva rossonera. I brutti presagi diventano realtà al 13'. Errore in appoggio del Milan, Hamsik dà il via all'azione del vantaggio azzurro. Passaggio a Insigne che mette Allan di fronte a Diego Lopez, il brasiliano non si lascia pregare e insacca l'1-0. Pochi minuti dopo Higuain mette ancora in ambasce la difesa avversaria: stop a seguire e tiro dopo quindici metri di corsa, Diego Lopez para a terra.  Il Milan tenta di rialzare la testa ma avanzare significa esporre il fianco alle ripartenze del Napoli. Higuain al 32' fa nuovamente suonare il campanello d'allarme con un diagonale che sfila ad un soffio dal palo lungo. E' ancora l'argentino otto minuti dopo a deviare di tacco in area un assist di Hamsik, ma la palla carambola in angolo. Il predominio territoriale del Milan nei primi 45 minuti si infrange regolarmente sulla difesa avversaria. Tra cross rimpallati, palloni carambolati via e filtranti troppo lunghi, Reina non fa neanche una parata. Il secondo tempo si apre con il raddoppio del Napoli. Contro la Juventus fu uno due tra Higuain e Insigne per la prima rete che aprì la partita. Stavolta lo scambio serve a confezionare la rete del 2-0. Insigne, liberato dall'argentino dinanzi a Diego Lopez, trafigge il portiere sul lato opposto. Il Milan è intontito e i problemi per Mihajlovic si moltiplicano. Per alcuni minuti Montolivo e compagni non la prendono praticamente mai. Il tecnico rossonero al 57' decide di variare il modulo, mettendosi a specchio. Fuori Bertolacci, dentro Cerci che si sistema nel ruolo di vertice offensivo destro in un 4-3-3. Il pressing del Napoli è impressionante anche nella ripresa. Al 60' la prima conclusione del Milan. Su una punizione laterale di Bertolacci arriva la spizzata di Rodrigo Ely che chiama Reina ad una bella parata in tuffo. Sul capovolgimento Insigne mette Callejon dinanzi al portiere ma lo spagnolo sbaglia il controllo e l'azione sfuma. I rossoneri sbandano, il buco sulla trequarti delle squadra di casa è evidente. Sull'ennesimo affondo di Higuain, Rodrigo Ely ricorre al fallo. Punizione da 27 metri, che il pallone calciato da Insigne attraversa librandosi fino a concludere il proprio viaggio in fondo alla rete. E' l'ultima magia del folletto di Frattamaggiore che lascia il posto a Mertens. Contestualmente Sarri sostituisce anche Hamsik con David Lopez. Al 77' arriva anche il 4-0. Palla orizzontale di Ghoulam e Rodrigo Ely scrive il suo nome sul tabellino, ma dal lato sbagliato. E' un trionfo. Entra anche Gabbiadini, dando il cambio ad un Higuain generoso, ancora una volta positivo. Il nuovo entrato ha la palla del 5-0 ma grazia un Milan oramai fuori dal match, umiliato dal passivo e dai cori dei propri tifosi. Ai napoletani non resta che dare il via alla festa. Finisce 0-4. © Riproduzione riservata