Sabato 18 novembre 2017 18:27

Squalifica Higuain, svelato il contenuto del referto arbitrale




«Dopo avergli mostrato il cartellino rosso il calciatore, guardandomi negli occhi, urlava l’espressione vergognoso. Poi, ponendomi le mani al petto, mi spingeva lievemente facendomi indietreggiare, senza procurarmi dolore. Higuain tentava poi di entrare in contatto con un avversario, ma non ci riusciva perché veniva fermato da alcuni compagni». Questo il contenuto del referto arbitrale, a seguito del quale il Giudice Sportivo Giampaolo Tosel ha inflitto all'attaccante del Napoli quattro giornate di squalifica, da scontare a partire dal prossimo match di campionato con il Verona al San Paolo. Il club di De Laurentiis ha annunciato che presenterà ricorso contro una decisione ritenuta «ingiusta» ed «eccessiva». Da Castel Volturno filtra un discreto ottimismo, l'obiettivo è quello di dimezzare la squalifica del Pipita. L'avvocato Mattia Grassani punterà a derubricare l'espressione del calciatore come «atteggiamento irrispettoso», laddove invece il vergognoso pronunciato da Higuain nei confronti di Irrati è stato valutato da Tosel come «condotta ingiuriosa» e quindi punibile pesantemente. Nel ricorso si proverà anche a dimostrare al giudice che la «lieve spinta», così come descritta nel documento, è stata esercitata dal calciatore senza alcuna intenzione intimidatoria, ma al solo scopo di frenare l'avanzata del direttore di gara. Non è ancora stata fissata la data, quel che è certo è che ci sarà ancora da aspettare qualche giorno: con tutta probabilità l'udienza, alla quale prenderà parte anche il calciatore, verrà discussa a metà di questo mese, attorno al 18 o al 19 aprile. © Riproduzione riservata