Mercoledi 13 dicembre 2017 04:26

Una rete in fuorigioco gela il San Paolo, Napoli-Dnipro finisce 1-1




Fuorigioco Napoli-DniproNAPOLI - San Paolo gelato da un goal in fuorigioco a dieci minuti dalla fine. Napoli-Dnipro finisce 1-1 con due reti nella ripresa. Il vantaggio di David Lopez illude gli azzurri che subiscono il pareggio nel finale. Insufficiente la direzione di Moen, che ha influito negativamente sul match. Che partita sarà, lo si capisce fin dai primi minuti. Il Dnipro gioca con dieci giocatori dietro la linea della palla. Le due ali della squadra ucraina, Luchkevych e Konoplyanka, sono in pratica dei terzini. Il Napoli parte all'attacco, come prevedibile. Al 10' Insigne prova la magia, il suo tiro al volo da 25 metri tocca il palo ed esce. Gli ospiti non si scompongono e continuano a difendere in massa. L'unico modo per metterli in difficoltà sembrano essere le verticalizzazioni veloci. Gli azzurri ci provano in un paio di occasioni, ma la bandierina alta del guardalinee frustra i tentativi partenopei. Di tanto in tanto il Dnipro mette il naso fuori dalla propria metà campo e manda qualche guastatore dalle parti di Andujar. Il portiere azzurro è costretto a volare sulla conclusione di Kankava al 23'. Il tiro del mediano ucraino è deviato in angolo, ma la difesa del Napoli appare un po' molle. Il canovaccio prosegue anche nella restante parte della prima frazione. Il Napoli fraseggia, cerca il varco, sbuffa, ma non trova il pertugio giusto per far male a Boyko, che è inoperoso nei primi 45 minuti. Napoli all'attacco anche nella difesa. Dopo 5 minuti Hamsik guadagna un angolo, sorprendendo la difesa che recupera a fatica. Batte Insigne, lo stacco di è implacabile e il Napoli va in vantaggio. Dopo essersi sbloccato, il Napoli imperversa per almeno venti minuti. Higuain ha almeno tre occasioni per far male a Boyko. Prima al 55', tiro da posizione defilata e deviazione del portiere poi al 58', con l'estremo difensore che respinge ancora di piede. Gli ucraini, fallosissimi per tutta la partita. Spezzano spesso il gioco, e l'arbitro gli concede troppo. Markevych decide di sbottonarsi un po', dentro Bruno Gama per Luchkevych. Al 65' occasione per Callejon che imbeccato da Higuain con una palla a rimorchio, conclude di sinistro sul fondo. Continuano i cambi offensivi del Dnipro con Bezus, un trequartista, per Kankava, un mediano. Il terzo cambio è quello giusto per Markevych. Entra Seleznev per Kalinic. Un paio di minuti e il nuovo entrato segna, in fuorigioco. Netto. Il pareggio a dieci minuti dalla fine gela il San Paolo. Benitez, che aveva già inserito Gargano e Gabbiadini per David Lopez e Callejon, gioca la carta Mertens. Fuori Insigne, stanchissimo. Il Napoli ha accusato il colpo, e non riesce a imbastire una vera reazione. Finisce 1-1. L'errore della terna arbitrale portoghese pesa come un macigno. Gli azzurri dovranno fare l'impresa a Kiev, tra una settimana. © Riproduzione riservata