Martedi 21 agosto 2018 00:12

Cavani: «Il Napoli non ha bisogno di me. Real? Immagino il San Paolo nella gara di ritorno»
Il Matador: «Mi piace molto il gioco che il Napoli sta proponendo. È una squadra forte che gioca in maniera spregiudicata».

08 febbraio 2017

Edinson Cavani, ex Napoli ed ora attaccante del Psg, ha parlato ai microfoni del Corriere del Mezzogiorno, soffermandosi sulla condizione del Napoli e sul suo nuovo bomber, Dries Mertens: «E’ un grande calciatore, molto forte. Intelligente e furbo. Ma secondo me non è un centravanti».

Le differenze fra Cavani e Dries Mertens

Fu Mazzarri  a cambiare ruolo a Cavani, dandogli spazio come centravanti. Lo stesso ha fatto Sarri con Mertens. Ma quali sono le differenze tra i due calciatori? «Non abbiamo le stesse caratteristiche, lui fa anche gol da punta centrale ma secondo me non lo è - continua l'uruguaiano -. Da ragazzino giocavo a centrocampo, ma i gol li ho sempre avuti nel sangue. Ho lavorato duro e poi a Napoli ho avuto tanta fiducia, Mazzarri mi motivava molto, gli sono molto grato. Il mister sapeva che dovevo migliorare, ma mi diceva sempre che mi ammirava e che credeva in me. Mertens probabilmente ha la stessa fiducia del suo allenatore, ma i suoi movimenti restano da esterno».

«Sto bene a Parigi, ma il futuro può riservare qualsiasi cosa»

Il centravanti del Psg è ancora legato alla squadra azzurra: «Quando posso non perdo una partita. Mi piace molto il gioco che il Napoli sta proponendo. È una squadra forte che gioca in maniera spregiudicata». Secondo Cavani è presto per fare pronostici sul vincitore del campionato, e non è detto che sarà la Juve: «Ci sono tante partite da giocare. Poi io guardo soltanto il Napoli, sulle altre squadre non posso dare giudizi». Anche lo scorso gennaio si è parlato di un possibile ritorno del Matador in maglia azzurra. L'attaccante non esclude nulla: «Sto molto bene qui al Psg, ma il futuro può riservare qualsiasi cosa. Oggi sono così forti, non hanno bisogno di me!». Cavani ha parlato di un Napoli che si esprime ad alti livelli e che è in grado di competere con il Real Madrid: «Perché no? Io immagino cosa sarà il San Paolo nella partita di ritorno.Da brividi!».

© Riproduzione riservata