Allan: «Momento fantastico, non dobbiamo fermarci. Adesso testa alla Fiorentina»




NAPOLI - E' ancora viva negli occhi di giocatori e tifosi la fantastica serata di San Siro, dove il Napoli ha battuto per 4-0 i padroni di casa del Milan. E' stato Allan ad aprire le marcature: il brasiliano, oltre a confermarsi uomo-chiave del centrocampo azzurro, all'ombra del Vesuvio ha scoperto di avere anche un impensabile feeling con il gol, raggiungendo quota tre reti dopo sette giornate:  «E' stato un risultato importantissimo, e una grande gioia per noi. Però ora non possiamo fermarci, stiamo giocando ad altissimi livelli ma il campionato è lungo e dobbiamo continuare a lavorare duro e proseguire su questa strada». «Non abbiamo mai avuto dubbi sul lavoro di Sarri. Lavoriamo in settimana, il mister mi chiede di buttarmi negli spazi. Personalmente sono contento perchè ho l'opportunità di stare in squadra con grandi giocatori, è anche grazie ai loro movimenti che riesco a trovare i tempi per gli inserimenti. Avevo quasi vergogna quando sono arrivato qui, in mezzo a tutti questi campioni, invece mi hanno fatto sentire subito a casa. Hamsik  un fuoriclasse, abbiamo un centrocampo importante. Insigne? Lasciamolo tranquillo e speriamo che recuperi al 100%». «Adesso la nostra testa è rivolta alla Fiorentina, sarà una partita molto importante. Siamo ancora all'inizio e quindi non possiamo pensare a quello che accadrà tra cinque mesi, ma sappiamo che possiamo lottare per arrivare in alto. Per adesso però pensiamo ancora al titolo, più in là il campionato ci dirà se siamo da scudetto». «Spero che i tifosi vengano a sostenerci al San Paolo domenica prossima - ha concluso - Sono fondamentali per noi. Dobbiamo andare avanti con umiltà, uniti possiamo fare grandi cose. Spesso nel calcio ci si dimentica di tutto quanto buono fatto dopo due partite andate male, manteniamo i piedi per terra». © Riproduzione riservata