Hamsik giura amore eterno al Napoli: «Dissi no a Juve e Milan. Meglio un trofeo qui che 10 altrove»
Il centrocampista slovacco ha rilasciato una lunga intervista al portale So Foot

08 dicembre 2016

«Qui la gente mi vuole troppo bene, non potrei mai andarmene». Semmai ce ne fosse stato bisogno, Marek Hamsik continua a ribadire amore eterno a Napoli, e lo fa in un'intervista rilasciata a So Foot.

«Dissi no alla Juve e al Milan»

«Cinque anni fa mi voleva il Milan, l’anno scorso la Juventus - ha dichiarato il centrocampista slovacco - Alla fine però non se ne è fatto nulla perchè ho sempre sentito la fiducia dell'allenatore, del presidente e dell'ambiente, tutti volevano che restassi. E infatti nel mio contratto non ci sono clausole liberatorie, perché non ne abbiamo bisogno».

«Meglio un trofeo qui che dieci altrove»

«Per me sarebbe più bello vincere un trofeo qui che dieci in una qualsiasi altra squadra. Capisco e rispetto le scelte di Cavani e Higuain ma ho deciso diversamente. Io un grande giocatore? Chiedetelo ai napoletani. Sono fiero di ciò che ho fatto e di quello che farò. Sono troppo legato a questa città per vedere le cose diversamente, qui c’è un atmosfera unica. Napoli è una città a parte in Italia, strana, ma bella. Io vivo a Castel Volturno e mi trovo molto bene perchè è un posto tranquillo,proprio come me».

L'arrivo in maglia azzurra e Lavezzi

«Quando ero a Brescia giocavo davanti a due o tremila persone, qui ne trovai altrettante solo il giorno della presentazione. Con me c’era Lavezzi - ha ricordato Hamsik - piccoletto, capelli lunghi, vestito male. Oggi invece ha molto stile: il Pocho è un personaggio straordinario, ottimista, positivo, ma in campo un guerriero».

Il record di Maradona nel mirino

Infine, sul record di Diego Armando Maradona, che si avvicina gol dopo gol: «Diego resterà sempre il numero uno. Arrivare dopo di lui non è così male. E se vincessi qualcosa con il Napoli, potrei avvicinarmi un altro po'».

© Riproduzione riservata