Domenica 20 agosto 2017 13:51

Il Napoli blinda la Champions, Callejon e Insigne affondano la Lazio
Il Napoli si impone per tre a zero all'Olimpico sulla Lazio e ipoteca la qualificazione alla prossima edizione della Champions League. Biancocelesti sottotono dopo la soddisfazione della qualificazione alla finale di Coppa Italia nel derby contro la Roma

09 aprile 2017



ROMA - Il Napoli blinda il terzo posto. Gli azzurri battono la Lazio per tre a zero nello scontro diretto all'Olimpico e si portano a più sette dalla squadra biancoceleste. La formazione di Sarri si impone senza patemi contro una Lazio deludente, apparsa scarica dopo la qualificazione alla finale di Coppa Italia conquistata nella stracittadina con la Roma. La vittoria di questa sera permette agli azzurri di restare a meno quattro proprio dai giallorossi e continuare a sperare nel secondo posto che significherebbe qualificazione diretta alla fase a gironi della prossima Champions League.

Articoli correlati

Lazio-Napoli 0-3, tabellino e pagelle

Callegoal

Inzaghi parte con Murgia a centrocampo. Sarri si affida a Strinic, relegando Ghoulam in panchina. La Lazio, nonostante l'entusiasmo per la finale di Coppa Italia, mostra poco nei primi quarantacinque minuti. Il Napoli è più reattivo, ci mette maggiore impegno e raccoglie i frutti dell'intensità al 25'. Azione in verticale sull'asse Mertens-Hamsik, lo slovacco entra in area e offre un assist che Callejon insacca a porta vuota. Inzaghi si arrabbia per l'errore di Bastos che lascia il fianco ad Hamsik. L'angolano è il peggiore in campo della squadra biancoceleste: lento e macchinoso, viene anche ammonito per un fallo su Mertens. La reazione laziale allo svantaggio è tutta in una cavalcata di Felipe Anderson che, entrato in area, conclude su Reina. È il Napoli ad avere la palla del raddoppio allo scadere ma Insigne, solo davanti a Strakosha, conclude fuori.

Insigne champagne

Gli imbarazzi della Lazio continuano anche in apertura di ripresa. Che le cose possano peggiorare per la squadra di Inzaghi lo si capisce quando un pallone di Hamsik attraversa l'intera area di porta senza incontrare la deviazione vincente. Un minuto dopo, al 50', il Napoli raddoppia. Insigne anticipa Strakosha su un pallone a campanile di Allan e insacca il due a zero. Inzaghi decide di cambiare. Tira fuori Bastos e Murgia e inserisce Hoedt e Keita. L'ingresso dell'attaccante senegalese rinvigorisce la Lazio. Subito dopo l'entrata in campo si intrufola in area e impegna Reina. Il Napoli, però, controlla le sortite avversarie senza troppi rischi. C'è solo un black out, intorno al 70', che permette a Patric di andare due volte vicino al goal. Nella seconda occasione Insigne fa un miracolo e respinge sulla linea di porta. Dopo la sfuriata, la Lazio perde mordente. Sarri richiama in panchina i calciatori più stanchi, Callejon e Hamsik, e riconquista campo. I nuovi entrati Zielinski e Rog permettono di ritrovare brillantezza. Nel finale, poi, c'è spazio anche per l'ingresso di Milik, che subentra a Mertens, e per il terzo goal. Lo segna Insigne, ancora lui, nel recupero. È il suggello sulla prestazione di migliore in campo.

© Riproduzione riservata