Martedi 26 settembre 2017 16:34

Dall’Empoli al Milan passando per l’Europa, Napoli alla prova del ciclo terribile




Si ricomincia. Il Napoli è tornato al lavoro ieri. I nazionali stanno rientrando alla spicciolata. Oggi è stato il turno di Chalobah, tornato a Castel Volturno dopo gli impegni con la nazionale under 21 inglese. Sarri ha già iniziato la preparazione del match contro l'Empoli. Proprio contro la squadra che lo ha lanciato nel grande calcio il tecnico azzurro dovrà trovare la prima vittoria. I toscani hanno giocato bene contro il Milan, nonostante la sconfitta, ma non devono fare paura. Al Castellani il Napoli dovrà andare per vincere, in modo da iniziare con il piede giusto il ciclo terribile. In 21 giorni, gli azzurri scenderanno in campo ben sette volte, tra campionato ed Europa League. Dopo l'impegno di Empoli, ci sarà la prima europea al San Paolo contro il Club Brugge. Poi Carpi, Lazio, Juventus, Legia Varsavia e Milan. Un otto volante tra big match di campionato, impegni europei e sfide contro squadre "piccole", ma comunque agguerrite. Il primo nodo da sciogliere, per Sarri, è quello del'attacco. Nel ciclo terribile ci sarà spazio per tutti ma la piazza si aspetta che, in un'ipotetica formazione base, sia Gabbiadini a far coppia con Higuain. L'allenatore ci sta pensando e potrebbe lanciare dal primo minuto il nazionale di Conte già domenica a Empoli. Il dubbio del tecnico è legato all'assenza di una vera e propria punta da portare in panchina. Manca una soluzione tattica di questo tipo a partita in corso, dopo la partenza di Zapata. La sovrabbondanza di esterni offensivi si sta rivelando un'arma a doppio taglio nel 4-3-1-2. Durante il ciclo terribile, potrebbero tornare utili anche Strinic e il redivivo Zuniga, riaggregato alla squadra. La squadra azzurra ha mostrato qualche problemino sugli esterni durante queste prime uscite. L'ampliamento del pacchetto di laterali difensivi a disposizione di Sarri permetterà di studiare soluzioni diverse e più adatte. Con Strinic a disposizione, ad esempio, non ci sarà la necessità di adattare Hysaj sulla fascia sinistra quando si vuole rinunciare alla spinta di Ghoulam in favore di un terzino più "bloccato". © Riproduzione riservata