Venerdi 24 novembre 2017 13:56

Restyling San Paolo, le nuove immagini: membrana di copertura, skybox e nuovi seggiolini




Restyling San Paolo, si procede. Con il passare delle settimane, si iniziano a delineare le caratteristiche dello stadio come sarà. Nulla è ancora sicuro: il Calcio Napoli ha presentato un progetto che attende di essere approvato. Ciò che è stato disegnato dall’architetto Gino Zavanella, scelto da De Laurentiis per pensare il restyling dell’impianto, potrebbe essere modificato. E’ lo stesso Zavanella a spiegare come stanno le cose ai microfoni di Radio Kiss Kiss: «Attendiamo l’approvazione, ma c’è ancora molto da dire e fare. Ascolto tutti, mi piacerebbe sapere l’opinione dei tifosi, visto che sto lavorando per loro. Il nostro progetto è rivedibile».

[slideshow post_id="57642"]

Nulla di certo, dunque, ma le idee di massima sono quelle note. La capienza dovrebbe passare a 41 mila spettatori, nuovi skybox dovrebbero essere realizzati in corrispondenza dell’attuale tribuna d’onore, gli spalti dei distinti dovrebbero arrivare a bordocampo e la tribuna stampa dovrebbe traslocare nella parte superiore dell’attuale tribuna Nisida. Sul tavolo c’è anche l’idea di una Curva B più capiente della Curva A ma, dice Zavanella, «potrebbero essere entrambe le curve di capienza uguale oppure parte di una curva potrebbe confluire nei distinti». Sulle curve potrebbero arrivare delle modifiche visto che il progetto attuale non prevede che gli spalti, in quei settori, arrivino a bordocampo. E la cosa piace poco ai tifosi. L’altra novità riguarda la copertura. Non ci sarà una sostituzione: resterà l’imbragatura in ferro di Italia ’90. Sarà però rimosso il persplex che sarà sostituito da una membrana di Pvc, più leggera, sulla quale saranno installati dei pannelli fotovoltaici per un San Paolo “ecocompatibile”. Il progetto prevede l’apertura dei parcheggi sotterranei, realizzati per i mondiali del 1990 e mai inaugurati. Sarà installata all’esterno dell’impianto una scritta “San Paolo” che emanerà giochi di luce mentre sul fronte della sicurezza sarà realizzato un nuovo sistema di videosorveglianza. Saranno rifatti i bagni e gli ingressi, in modo da rendere l’impianto a norma. Zavanella parla di un costo di poco superiore ai 20 milioni, ma l’impressione è che siano un po’ pochi, specie se si dovesse decidere di realizzare aree commerciali all’interno dello stadio. © Riproduzione riservata