Venerdi 18 agosto 2017 14:22

Higuain si riprende l’Argentina, sfida al Brasile per dimenticare Santiago




BUENOS AIRES (Argentina) - Testa della classifica cannonieri della Serie A, condizione fisica invidiabile e coscienza dei propri mezzi. Gonzalo Higuain è tornato in Argentina per riconquistare l'affetto dei connazionali a quattro mesi di distanza dal rigore spedito in curva nella finale di Coppa America contro il Cile. L'opinione pubblica sudamericana ci andò giù pesante dopo l'errore di Santiago del Cile. L'azzurro fu preso in giro su internet e quel pallone in viaggio verso chissà dove divenne persino un meme. Era il secondo rigore decisivo fallito dall'attaccante del Napoli in pochi mesi. L'altro, contro la Lazio, costò la qualificazione in Champions alla squadra azzurra. Altri tempi. Ora Higuain è tirato a lucido. La cura Sarri ha fatto bene principalmente a lui. Nove reti in Serie A, una in Europa League. L'ex Real è uno dei pochi attaccanti del panorama europeo che ha già raggiunto la doppia cifra. E siamo solo a novembre. Dopo la vittoria contro l'Udinese, decisa proprio da un suo goal, è partito per l'Argentina dove lo attende la "partita delle partite". L'Albiceleste sfiderà dopodomani (ore 1.00 italiane, diretta su Gazzetta Tv) il Brasile nel grande classico del calcio sudamericano. Nessun dubbio su chi sarà il centravanti scelto dal ct argentino. Higuain partirà dal primo minuto, agendo da prima punta in un reparto offensivo completato da Di Maria e Lavezzi. L'allenatore dell'Argentina ha provato il tridente negli ultimi allenamenti e, tenendo conto delle defezioni dei vari Tevez, Aguero e Messi, c'è da essere certi che sarà questo l'attacco che proverà a far male al Brasile. Una responsabilità non da poco per l'attaccante del Napoli, che era rimasto fuori dalle precedenti convocazioni del Tata Martino. Ma anche questa ora è acqua passata. Come il rigore contro la Lazio. Come il rigore di Santiago. © Riproduzione riservata