Venerdi 20 ottobre 2017 17:46

Wolfsburg-Napoli, Gaudino avvisa gli azzurri: «I tedeschi hanno un arma micidiale»




NAPOLI - «Il Wolfsburg è una squadra fortissima, ha fatto un ottimo mercato ed è stata costruita con una caratteristica ben precisa». Maurizio Gaudino, ex attaccante tedesco figlio di immigrati campani, ha parlato in un'intervista a Il Mattino del prossimo avversario del Napoli in Europa League: «La loro arma è il contropiede, sanno fare male nelle ripartenze. Se non esistesse il Bayern Monaco sarebbero in lotta per lo scudetto. Gli azzurri dovranno tenere d'occhio De Bruyne, che è il fuoriclasse della squadra, ma anche a Schurrle, ai difensori Naldo e Rodriguez e al centravanti Dost. Hanno uno stadio molto piccolo, un pò come gli stadi della serie B italiana, può contenere al massimo 30mila spettatori ma sarà pieno, anche se immagino che saranno numerosissimi i tifosi napoletani». «Non è solo il Napoli a essere preoccupato - ha proseguito -Anche il Wolfsburg teme il Napoli e l'esperienza di Benitez in campo internazionale. Se gli azzurri giocano come ieri contro la Fiorentina hanno ottime probabilità di fare risultato in Germania». Gaudino, che dal 1987 al 1993 ha vestito la maglia dello Stoccarda, era in campo in quella doppia finale di coppa Uefa che vide il Napoli di Maradona alzare il trofeo: «In quella finale eravamo consapevoli del fatto che avremmo incontrato la squadra più forte del torneo ma fu comunque brutto vedere gli azzurri alzare la coppa davanti ai nostri occhi. Sono napoletano e ricordo che i miei parenti mi vennero a vedere in tribuna al San Paolo, nella partita di andata. A fine gara scambiai la maglia con Maradona, la regalai a mio fratello e lui adesso la conserva come una reliquia». © Riproduzione riservata