Venerdi 24 novembre 2017 06:40

Zidane avverte il Real: «Soffriremo contro gli azzurri. Maradona? Lo veneravo»
Il tecnico del Real mette in guardia la sua squadra: "Non mi piace quel tridente di piccoletti". E su Maradona: "Non sarà in campo per fortuna, a 14 anni lo veneravo".

14 febbraio 2017



MADRID - «Il Napoli può metterci in difficoltà, soffriremo». Zinedine Zidane mette in guardia il Real Madrid dalle insidie che riserverà la squadra di Sarri. Il tecnico del Real Madrid, nella conferenza stampa di presentazione della sfida di domani sera al Bernabeu, tesse le lodi della formazione azzurra. «Il tridente che affronteremo è composto da giocatori piccoli, rapidi e sguscianti. Una cosa che a me non piace. Il Napoli impone ritmi forti, so già che soffriremo ma non dovremo farci cogliere impreparati. Sappiamo che non dovremo prestare il fianco ai loro contropiedi. Anche noi, però, abbiamo le nostre armi per far male». «Il Napoli - prosegue - produce un bel gioco, lo vedono tutti. In Italia ci sono tanti giocatori giovani molto bravi, come ce ne sono in Spagna, e questo è un bene per il calcio italiano. Conosciamo la difficoltà della Champions League, basta sbagliare una partita e si rischia di andare fuori».

Articoli correlati

I convocati di Napoli e Real Madrid: Milik c'è, Bale no
Delirio azzurro alla partenza per Madrid, centinaia di persone a Capodichino
Il sindaco di Madrid lancia un appello ai napoletani: «Non sporcate e non picchiatevi»

«Dovremo saper soffrire»

Zidane aggiunge: «Ho chiesto alla mia squadra profondità e concentrazione. Dobbiamo essere pronti a controbattere ai periodi del match in cui andremo in sofferenza. Non possiamo concedere il fianco per troppo tempo, tali periodi dovranno essere ridotti al minimo». Su James Rodriguez: «Sarà convocato e pronto a giocare. Domani dovremo dare tutti il massimo per vincere la partita». C'è anche tempo per un siparietto su Maradona: «È uno dei migliori di sempre, forse il migliore di sempre. Da piccolo lo veneravo. Ora, però, con tutto il rispetto, temo di più Insigne, Mertens e Callejon, che scenderanno in campo. Diego, fortunatamente, resterà in tribuna».

© Riproduzione riservata