Venerdi 20 ottobre 2017 09:09

Maradona show a Sky: «Ho parlato con De Laurentiis, mi piacerebbe portare il Napoli nel mondo»




NAPOLI - Dopo lo show sul lungomare, Diego Armando Maradona rende ancora più elettrizzante la sua presenza a Napoli. Intervenuto in esclusiva ai microfoni di Sky calcio show, l'ex Pibe de Oro ha aperto ad un futuro nella società di Aurelio de Laurentiis: «Prima devo risolvere i miei problemi con l'Italia, ma poi mi piacerebbe portare il Napoli nel mondo. Speriamo che si riesca a costruire una squadra che possa giocare a tu per tu contro la Juventus. De Laurentis è cresciuto molto, prima non sapeva niente di calcio, ora è un esperto».

L'incontro con il patron azzurro riempe di speranza i tifosi napoletani che sognano un ritorno di Maradona: «Per loro sono come la prima donna amata, qualcosa che non si dimentica mai. Mi continuano a sorprendere, ci sono ragazzini che non mi hanno mai visto giocare ma che si commuovono e piangono per fare una foto con me. E' una sorta di tradizione: il padre che ha trasmesso il mio ricordo al figlio e così via. Dopo 30 anni provo lo stesso amore per la città e per questi colori».

Simpatico siparietto con Costacurta che ha ricordato gli inizi della sua carriera ed il difficile compito di marcare l'ex numero 10 del Napoli: «Gli tiravo tanti calci, lui però non cadeva mai a terra. Mi domandavo sempre cosa avesse sotto i calzettoni, non potevano essere parastinchi».  Diplomatica la risposta di Maradona: «Sono cose che succedono in campo e rimangono lì. Ho grandissimo rispetto per Billy, ha fatto una grande carriera. Era difficile giocare contro quel Milan».

L'intervista si è svolta a seguito della conferenza stampa dello spettacolo "Tre volte dieci" che lo vedrà protagonista, domani sera, con Alessandro Siani su un campo inusuale, il palco del Teatro San Carlo.

Articoli correlati

Napoli, è arrivato Maradona. La gente lo acclama, lui urla «Vi amo»
Maradona arriva a Napoli e saluta i tifosi, poi inizia a pregare
Maradona e Napoli, una storia d’amore che dura dal 1984

 

 

© Riproduzione riservata