Martedi 22 agosto 2017 14:57

Napoli, uno-due da ko: 3-1 al Pescara
Tre reti nel secondo tempo permettono al Napoli di battere il Pescara al San Paolo, gli abruzzesi cedono dopo un buon primo tempo.

15 gennaio 2017



NAPOLI - Terza vittoria in tre partite. Il 2017 del Napoli è iniziato bene. Dopo l'affermazione contro la Sampdoria e quella contro lo Spezia in Coppa Italia, gli azzurri regolano il Pescara con un secco 3-1. Le reti arrivano tutte nel secondo tempo con Tonelli, Hamsik e Mertens. I tre punti permettono alla squadra di Sarri di tenere il passo della Roma, vittoriosa a Udine, mantenendo il terzo posto in classifica.

Pescara da trincea

Senza Koulibaly e Ghoulam, Sarri si affida a Tonelli e Strinic. A centrocampo c'è Zielinski, in attacco Mertens. Oddo risponde con un 4-4-2 difensivo con la coppia Memushaj-Cristante a copertura della retroguardia. Il peso offensivo è sulle spalle di Gilardino, affiancato dal giovane Coda. È tutta un'altra partita rispetto all'andata, quando gli abruzzesi giocarono per un'ora ad un'intensità altissima. Oddo, stavolta, pensa prima a non prenderle. Il Napoli è subito pericoloso nei primi dieci minuti: le conclusioni di Insigne e Hamsik sfilano di poco a lato. Dopo lo sbandamento iniziale, il Pescara ritrova compattezza. Gli ospiti, grazie ad una linea di centrocampo particolarmente bassa, fanno di tutto per non lasciare spazi sulle fasce, dove Callejon e Insigne sanno come far male.

Uno-due da ko

La partita si sblocca in apertura di ripresa. Al 47' Tonelli stacca su una punizione laterale di Jorginho e sigla la seconda rete in altrettante partite. Due giri di lancetta e Hamsik raddoppia, sfruttando una palla filtrante di Zielinski. Il Pescara accusa l'uno-due, lasciando qualche spazio di troppo tra le linee. Ma, al 67', Gilardino ha la palla per accorciare le distanze. Gliela offre Strinic, con un passaggio orizzontale suicida che sorprende Reina. L'ex attaccante della Nazionale grazia il portiere, concludendo a lato. Sette minuti dopo è Callejon a sprecare la palla del ko. Fa tutto bene, ma conclude di pochissimo fuori sull'uscita di Bizzarri. Al 75' Jorginho, con una staffilata, fa tremare la traversa. A cinque minuti dalla fine arriva il 3-0. Mertens si avventa su un cross basso dalla sinistra di Allan e chiude la partita. Il rigore trasformato da Caprari allo scadere serve solo a salvare la bandiera.

 

 

© Riproduzione riservata