Martedi 22 agosto 2017 16:34

Sarri: «Napoli ti regala un calore spettacolare. Maradona? Vorrei conoscerlo»




Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri ha rilasciato una lunga intervista al Corriere dello Sport affrontando diversi argomenti: «Per me la parola scudetto continua a restare impronunciabile, abbiamo appena iniziato un percorso e veniamo da un quinto posto, per cui restiamo coi piedi per terra. La mia opinione è che questo è un campionato aperto, senza dominatori, con squadre di pari livello, anche se c'è la Fiorentina che mi ha impressionato parecchio». Capitolo Maradona. Dopo le dichiarazioni di qualche settimana fa, in cui il Pibe de Oro aveva giudicato il tecnico toscano non all'altezza di sedere sulla panchina del Napoli, sono arrivate le scuse dell'ex fuoriclasse argentino: «Diego è un'idea del calcio, le sue dichiarazioni mi hanno emozionato. Adesso il mio prossimo obiettivo è conoscerlo, per me sarebbe un vero onore». «Per me Rugani è il più forte giovane italiano, ha una capacità di applicazione straordinaria. Lo feci esordire a 18 anni, sarà un giocatore molto importante per il futuro del nostro calcio. Luperto? E' un talento che tengo d'occhio, non a caso si allena con noi. Con la società abbiamo concordato che da gennaio faremo allenare uno o due ragazzi della Primavera con la prima squadra». Su Gonzalo Higuain: «Gioca e si diverte, e io lo stimolo a divertirsi. E' un fuoriclasse assoluto, potenzialmente il giocatore più forte che io abbia mai allenato». «Le sensazioni che ti da la tifoseria napoletana sono uniche - ha concluso Sarri - Riesce a trasmetterti un calore spettacolare. Tuttavia quello di Napoli è anche un ambiente umorale, è una città fatta di passioni e delusioni, o tutto è positivo o tutto è negativo». © Riproduzione riservata