Ranking Uefa, il nuovo sistema penalizza il Napoli: meno soldi dai diritti tv

15 dicembre 2016

Cambiano i criteri di determinazione del ranking Uefa. Con il nuovo sistema, un ruolo importante sarà svolto dai successi delle squadre nelle competizioni europee. Sarà previsto un doppio coefficiente: ante e post 1992/93. Il bonus relativo ai meriti storici influirà sulla distribuzione dei diritti televisivi. Questo sancirà un salto per Inter e Milan e un notevole calo per la Juventus, ma soprattutto per il Napoli. Lo scopo è di premiare i club che hanno concorso a rendere grande il successo della competizione.

Come funziona il bonus

Il valore delle squadre gioca un ruolo importante per il “brand Champions League” e la Uefa vuole premiare i più meritevoli. Con il nuovo regolamento sono previsti dei punti extra, assegnati ai club che hanno vinto dei trofei. Il Milan, considerando il suo palmarès, sarà la più avvantaggiata: guadagnerà ben 42 punti (terzo miglior punteggio dopo Real e Barcellona). L’Inter ne avrà 21 e la Juventus 17.

Cosa accadrà

Ci sarà solo la Vecchia Signora a rappresentare l’Italia tra le migliori dieci, perdendo almeno cinque posti rispetto alla classifica attuale: la Juve scenderà al decimo posto, alle spalle del Benfica. Ci saranno invece notevoli vantaggi per le due milanesi: è un’ipotesi altamente probabile che il Milan torni ad essere la seconda squadra italiana in Europa, al 13esimo posto, seguita dall’Inter al 16esimo: i rossoneri guadagneranno ben 28 posizioni, i nerazzurri 27. Ma a subire gli effetti più negativi del nuovo calcolo del ranking sarà il Napoli. Gli azzurri perderanno ben tredici posizioni, scivolando dal 16esimo al 28esimo posto. L'unico punto per meriti storici della società azzurra proviene dalla vittoria in Coppa Uefa nel 1989.

© Riproduzione riservata