Mercoledi 22 novembre 2017 13:48

Il Napoli a Empoli per battere il tabù-Castellani: mai una vittoria in Toscana

17 marzo 2017



Il Napoli è di scena domani al Castellani di Empoli, nel lunch match della 29esima giornata di Serie A. Una partita fondamentale in ottica secondo posto: con la Roma impegnata in casa con il Sassuolo, i tre punti sono d'obbligo per continuare a sperare nella qualificazione diretta ai gironi della prossima Champions League. La vittoria è sicuramente alla portata di Hamsik e compagni: sono ben 38 i punti che separano le due compagini: i toscani, oltretutto, con la miseria di appena 15 gol segnati, sono per distacco il peggior attacco del campionato (basti pensare che da solo il capocannoniere del Napoli Dries Mertens ha segnato quattro reti in più di tutta la squadra nelle prime 28 partite). Insomma, sulla carta l'impegno sembra tutt'altro che difficoltoso, ma c'è una statistica che fa tremare i tifosi partenopei.

Al Castellani un tabù che dura da oltre mezzo secolo

Sono dieci precedenti disputati in Toscana: sei le vittorie dei padroni di casa, quattro i pareggi. Il Napoli non è mai riuscito, nel corso della sua storia, a battere l'Empoli nel suo stadio. Il primo confronto è in Serie B, nel 1948/49, e fu una sconfitta per 2-1. Ancora una sconfitta di misura l'anno dopo, sempre in cadetteria. L'impresa del blitz esterno non riuscì neanche al Napoli di Maradona, che impattò 0-0 sia nel 1986/87 (anno del primo scudetto) sia la stagione seguente. Memorabili (ma più per i tifosi empolesi) il 5-0 nel 1997/98, anno della traumatica retrocessione in B con 14 punti, così come il 4-1 in cadetteria nel 1999/2000, con Novellino in panchina e Schwoch in attacco. Ancora una sconfitta in B, nel 2001/2002, alla guida della squadra Luigi Di Canio.

L'era De Laurentiis

Nel 2007/2008 (primo anno in A con De Laurentiis) un altro pari a reti inviolate, poi ancora una scoppola con Benitez. E' la stagione 2014/2015, l'Empoli annichilisce gli avversari e si impone per 4-2, guidato proprio da Maurizio Sarri, che l'anno dopo sarebbe tornato in Toscana da allenatore del Napoli: 2-2 il risultato finale, maturato grazie alle reti di Allan e Insigne. Il Napoli adesso è alla ricerca della sua prima, storica, vittoria nel campo maledetto, per tenere il passo della Roma e infrangere il tabù-del Castellani.

© Riproduzione riservata