Lunedi 11 dicembre 2017 18:04

Il pomeriggio di Maradona a Castel Volturno, tra ricordi e commozione

18 gennaio 2017



CASTEL VOLTURNO - «Mi sono sentito nuovamente un calciatore del Napoli». Così Diego Armando Maradona ha commentato su facebook la visita di oggi pomeriggio a Castel Volturno. Una full immersion nella realtà della squadra azzurra. Non è Soccavo, il Centro Paradiso non più la casa del Napoli dal 2004, ma Maradona si emoziona comunque. Tanti ricordi, sette anni irripetibili, scolpiti nei cuori di ogni napoletano. «La passione è esplosa forte quando Diego ha visitato la sede - fa sapere il Calcio Napoli in una nota -, salutando tutti i dipendenti e soffermandosi commosso davanti alle foto nei corridoi che ritraggono le squadre campioni d’Italia nel 1987 e 1990 e quella che ha vinto la Coppa Uefa nel 1989».

Maradona in visita a Castel Volturno (SSC Napoli)
Maradona ha ritrovato Tommaso Starace, magazziniere azzurro, ultimo residuo del suo Napoli nell'organigramma attuale. Ma il club di oggi è altra cosa. Nuove facce, nuovi luoghi. Il numero 10, però, è ancora il suo. La maglia gliela consegna Edo De Laurentiis all'ingresso, e Diego si fa subito una foto. Poi incontra Sarri e i calciatori. Sorride, abbraccia, motiva. Per un giorno è di nuovo il capitano. Se potesse quella maglia la indosserebbe di nuovo. E chissà che quel sogno non si realizzi a maggio, quando tornerà in città per la festa del trentennale del primo scudetto.

 

© Riproduzione riservata