Martedi 21 agosto 2018 00:05

Il Napoli si riprende il sogno scudetto, 4-2 all’Udinese
Gli azzurri vincono quattro a due contro l'Udinese e si portano a quattro lunghezze dalla Juventus a quattro giorni dallo scontro diretto

18 aprile 2018

NAPOLI - Festa grande al San Paolo. Il Napoli batte quattro a due l'Udinese in un mercoledì caratterizzato dal pareggio a sorpresa della Juventus sul campo del Crotone. La combinazione di risultati permette alla squadra di Sarri di arrivare allo scontro diretto con i bianconeri a quattro lunghezze di distanza. La formazione azzurra palesa qualche indecisione difensiva, un pizzico di stanchezza ma ce la mette tutta per buttare il cuore oltre l'ostacolo. L'Udinese, reduce da nove sconfitte consecutive, riesce ad andare in vantaggio per ben due volte ma è costretta a cedere alla distanza

Botta e risposta

Sarri ne cambia quattro rispetto al Milan. C'è anche Milik nell'undici titolare, non accadeva dalla prima di campionato. Oddo sceglie la trincea con un 3-5-1-1 votato al non prenderle. Il Napoli inizia bene. Nei primi venti minuti è dinamico e pronto a ribaltare l'azione in velocità. Solo l'imprecisione sotto porta impedisce agli azzurri di andare in vantaggio. Bizzarri si esalta in due occasioni. La prima all'8' su un tiro dalla distanza di Hamsik. La seconda tre minuti dopo quando Insigne, dal centro dell'area, conclude sulle mani del portiere. Scampati i pericoli l'Udinese prende coraggio. Al 41' la doccia fredda per il Napoli. Palla tagliata di Zampano, indecisione della difesa, Jankto irrompe sul secondo palo e insacca sottomisura. Nonostante le immagini evidenzino il fuorigioco, Tagliavento in sala Var non ravvisa irregolarità e Calvarese convalida. Il Napoli ha la fortuna di pareggiare quasi subito. Al 45' Zielinski offre un pallone in verticale a Insigne al limite dell'area, l'attaccante si beve Nuytinck e fa secco Bizzarri. Nel recupero serve il miglior Reina per alzare in angolo un colpo di testa di Barak.

Colpi di testa e orecchio teso a Crotone

La ripresa si apre con un tiro di Hamsik al 50' che si spegne di poco a lato. L'Udinese cerca di replicare il canovaccio della prima frazione al 55' torna in vantaggio. È Ingelsson a battere Reina con una conclusione in buca d'angolo da posizione centrale. Sarri si gioca il tutto per tutto. Dentro Mertens, fuori Hamsik. Il pari - però - arriva su azione d'angolo. Lo stacco di Albiol al 64' non lascia scampo a Bizzarri che pure riesce a sfiorare il pallone. Sei minuti dopo arriva il gol del tre a due per il Napoli. Callejon scarica un diagonale da posizione defilata, Bizzarri non trattiene e Milik mette in rete il più facile dei tap in. Passano altri cinque minuti e gli azzurri vanno in rete per la quarta volta. L'incornata di Tonelli sull'angolo di Callejon è una fucilata imparabile per il portiere. La reazione dell'Udinese arriva all'83'. Zampano, tra i migliori dei suoi, crossa e Perica colpisce la traversa di testa. Negli ultimi minuti occhi ed orecchi sono tutti per le notizie che arrivano da Crotone. Quando allo Scida arriva il triplice fischio il San Paolo esplode come se fosse arrivato il quinto gol.

© Riproduzione riservata