Giovedi 21 settembre 2017 01:50

Il Napoli sbanca San Siro, Insigne e Callejon gelano il Milan

21 gennaio 2017



MILANO - Effetto Maradona. Il Napoli vince a San Siro per 2-1, battendo un Milan a due facce. Rossoneri disastrosi in apertura, poi ritrovano intensità e mettono in difficoltà gli azzurri. La vittoria permette alla squadra di Sarri di agganciare per una notte la Roma al secondo posto, a quota 44 punti. Si allontana il treno Champions per Bacca e compagni, che ora sono anche in svantaggio con il Napoli negli scontri diretti con due sconfitte in altrettante sfide.

Tre minuti per tre punti

Difese incerottate per Milan e Napoli. Montella deve fare a meno di De Sciglio e Romagnoli, Sarri di Ghoulam e Koulibaly. Il tecnico rossonero surroga gli assenti con Calabria e Gustavo Gomez; nella retroguardia azzurra, invece, agiscono Tonelli e Strinic. Tra le fila milaniste manca anche Locatelli, al suo posto l'ex Sosa. L'inizio è da shock per il Milan. La visita di Maradona ispira Mertens che si trasforma in rifinitore con due assist vincenti nei primi dieci minuti. Al 6', in contropiede, lancia Insigne alla cieca. L'esterno di Frattamaggiore entra in area e in diagonale fa secco Donnarumma. Passano tre minuti e gli azzurri raddoppiano. Il belga, stavolta, smarca Callejon con una palla filtrante, lo spagnolo non si fa pregare e infila il portiere tra le gambe. Il Milan barcolla, potrebbe crollare se Mertens, ancora lui, mettesse in rete la palla del 3-0. Invece il Napoli abbassa il ritmo e inizia a perdere qualche colpo. Il campanello d'allarme è il colpo di testa di Gustavo Gomez che accarezza il palo al 35'. Passa un minuto e Kucka segna, sfruttando un'incertezza di Jorginho che appoggia dietro con eccessiva leggerezza.

Articoli correlati

Milan-Napoli 1-2, tabellino e pagelle

Ritorno rossonero

Il Milan parte forte nella ripresa. Al 46' Pasalic colpisce la traversa, dando maggiore convinzione ai suoi. Bonaventura è una spina nel fianco che costringe Hysaj agli straordinari. Il motore rossonero aumenta di giri con il passare dei minuti e Montella lancia Lapadula. Fuori Bacca, molto fumo e poco arrosto. Prima del cambio, però, è Mertens ad avere la palla del 3-1. Al 70' si trova solo dinanzi a Donnarumma, ma conclude sulla manona del portiere. Col passare dei minuti la stanchezza inizia a farsi sentire. Il Milan inizia a giocare sull'uomo, rinunciando alle aperture che avevano messo in difficoltà il Napoli in apertura di ripresa. Gli azzurri riprendono fiato, ritrovano le misure e Reina non ha più patemi. Anche i cinque minuti di recupero passano senza sussulti. Finisce 2-1. Continua il 2017 vincente del Napoli. Solo vittorie per gli azzurri nel nuovo anno.

© Riproduzione riservata