Giovedi 24 agosto 2017 08:43

Fiorentina-Napoli 3-3, un rigore di Gabbiadini salva gli azzurri in extremis

22 dicembre 2016



NAPOLI - Un rigore di Gabbiadini all'ultimo secondo salva il Napoli da una sconfitta immeritata. Si chiude con un pareggio per 3-3 in casa della Fiorentina il 2016 degli azzurri. La squadra di Sarri mette in campo una buona prestazione, ma concede troppo in fase difensiva. La formazione di Sarri conferma il terzo posto, a tre punti dalla Roma, che regola 3-1 il Palermo all'Olimpico.

Articoli correlati

Fiorentina-Napoli 3-3, tabellino e pagelle

Insigne da antologia

Sarri senza Koulibaly, Sousa senza Ilicic. Al loro posto Chiriches e il giovane Cristoforo. Per il resto non ci sono grandi novità nelle formazioni, a parte Tomovic per Gonzalo Rodriguez al centro della retroguardia viola. Il Napoli inizia bene. Fraseggio prolungato e dinamismo sulle fasce, gli azzurri prendono subito il controllo. La Fiorentina accusa la difesa alta del Napoli. L'unica arma offensiva sono i lanci in profondità per Kalinic. Bernardeschi, Chiesa e Cristoforo non riescono mai a far male tra le linee. La partita si sblocca al 25'. Insigne riceve palla in fuorigioco, poi rientra e dai 20 metri pennella un goal da cineteca. I viola accusano il colpo e per qualche minuto barcollano pericolosamente. È Kalinic a dare la sveglia al 39', con una conclusione in corsa che sfila di poco fuori. Poco dopo il croato rischia l'espulsione. Già ammonito, si lascia cadere in area. Reina si arrabbia ed è lui a beccarsi il giallo. Nel finale di primo tempo il Napoli perde Chiriches per infortunio, al suo posto entra Maksimovic.

Girandola del goal

Alla Fiorentina serve un colpo di fortuna. Che arriva al 52'. Callejon devia di schiena una punizione di Bernardeschi e fa secco Reina. 1-1. È un'altra partita. I viola vincono le timidezze del primo tempo e iniziano a prendere campo. Ma è il Napoli a rendersi pericoloso al 62' quando Olivera salva sulla linea una spizzata di Mertens. Il belga riesce comunque a scrivere il suo nome sul tabellino dei marcatori, cinque minuti dopo. Ruba palla ad un disattento Tomovic e infila Tatarusanu. Tutto finito? Niente affatto. Alla ripresa del gioco Bernardeschi si inventa un diagonale di sinistro che bacia il palo e riequilibra il risultato. Sousa ci crede. Tira fuori Cristoforo e inserisce Zarate. È una mossa indovinata. L'argentino, all'82', ringrazia Bernardeschi per l'assist perfetto e - al volo - insacca il 3-2. Sembra fatta per la Fiorentina. Ma, all'ultimo minuto di recupero, Mertens vola giù in area. Tagliavento non ha dubbi: è rigore. Gabbiadini, entrato poco prima, prende una palla che scotta. Il suo tiro, però, è perfetto. Finisce 3-3, risultato giusto.

© Riproduzione riservata