Venerdi 24 novembre 2017 02:38

Napoli, Jorginho tra Italia e Brasile. Arriva la chiamata di Tite
Joao Santos ha detto la sua: «Aspetteremo fino a marzo, quando verranno fatte le prossime convocazioni, e vedremo se ci saranno novità».

23 ottobre 2017



Dove giocherà Jorginho: con l'Italia o con il Brasile? La risposta è ancora incerta, ma negli ultimi giorni qualcosa si è mosso. Il tecnico della nazionale verdeoro ha, infatti, contattato il calciatore: ora tocca al centrocampista del Napoli decidere cosa fare.

«Vogliamo qualcosa di duraturo»

Anche il suo procuratore, Joao Santos, ha parlato della questione ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli: «Jorginho è seguito dal Brasile, ma finora non c’è stato nulla di concreto. Aspettiamo fino a marzo, quando si faranno le convocazioni, e vedremo se ci saranno novità dai verdeoro o dall’Italia. Ventura però credo sia stato chiaro, dicendo che il mio assistito, con le sue caratteristiche, non faccia comodo alla Nazionale. E ne prendiamo atto. Se poi dovesse passare al 4-3-3, cambierebbe tutto. La scelta non sarà fatta solo in base alla partecipazione al prossimo Mondiale, guarderemo a qualcosa di più duraturo».

La decisione di Ventura

L'unica presenza dell'italo-brasiliano in maglia azzurra risale ad un'amichevole giocata prima degli Europei del 2016. A guidare la Nazionale c'era Antonio Conte. Nulla, quindi, impedirebbe alla Seleçao di convocarlo in vista dei Mondiali di Russia. Il commissario tecnico dell'Italia, dal canto suo, è stato chiaro: «Jorginho? Lo ritengo uno dei migliori interpreti nel suo ruolo. Ma per come stiamo giocando ora non c'è posto per lui. Se domani avremo la necessità di giocare con un metodista verrà sicuramente preso in considerazione».

«È una decisione che spetta a lui»

Non è rimasta a guardare la nazionale verdeoro. Tite, il tecnico del Brasile, ha infatti confermato di aver contatto il centrocampista: «Ho parlato personalmente con il calciatore. Gli ho spiegato dettagliatamente la situazione con una lunga telefonata. Sono stato chiaro: dovrà essere lui a decidere con quale nazionale giocherà, e sarà una scelta molto importante per la sua carriera. In futuro vedremo. Quello che mi fa stare tranquillo è che il ragazzo ha ben chiaro cosa pensiamo noi del Brasile».

© Riproduzione riservata