Tensione altissima nella Capitale, ma la vendita dei biglietti per il settore ospiti è un flop




ROMA - E' stato un vero e proprio flop la prevendita dei biglietti per il settore ospiti dell'Olimpico, che si è conclusa alle ore 24 di domenica. Le stime annunciate in settimane parlavano di circa 5000 napoletani pronti a invadere Roma, numeri che hanno convinto la Questura della Capitale a mettere a punto un massiccio piano sicurezza che prevede, tra le altre cose, l'uso di telecamere sul percorso dei bus che porteranno i napoletani dal punto di raccolta di Saxa Rubra allo stadio. Tanto rumore per nulla, forse: sono infatti meno di 50 i tagliandi per il settore ospiti staccati. Il motivo è ovviamente da ricondurre al prezzo stratosferico di 50 euro imposto dalla società giallorossa, probabilmente allo scopo di disincentivare l'arrivo in massa della tifoseria partenopea. Non è peraltro la prima volta che si verifica una cosa simile: anche in occasione di Roma-Napoli del 2013, l'ultimo match aperto ai sostenitori napoletani prima dei fatti di Tor di Quinto, il costo del biglietto fu fissato dal club capitolino in 45 euro. Non ci sarà quindi nessuna maxi invasione. All'Olimpico arriveranno in 1500, forse 2000. Si tratta di napoletani residenti in Lazio e nelle altre regioni d'Italia (esclusa ovviamente la Campania), che hanno acquistato biglietti per altri settori dello stadio. Per questioni di sicurezza saranno probabilmente raccolti in un unico punto, per questo motivo, nonostante le poche decine di tagliandi venduti, il settore ospiti presenterà comunque un discreto colpo d'occhio. © Riproduzione riservata