Giovedi 18 ottobre 2018 05:40

Napoli, Milik: «Voglio un posto da titolare! Cavani? È più forte di me, ma posso crescere»
Il polacco è carico per la prossima stagione ed ha degli obiettivi ben definiti: «Il prossimo anno voglio giocare bene, tanto e da titolare!».

25 luglio 2018

Direttamente dalla Val di Sole, l'attaccante del Napoli, Arek Milik ha parlato ai microfoni di Tv Luna:«Il ginocchio sta bene, io sto bene. Peccato per il Mondiale, con la Polonia siamo usciti ai gironi. Siamo tornati a casa delusi, ma ora inizia un nuovo campionato e con il Napoli vogliamo vincere qualcosa d'importante. L'anno scorso abbiamo giocato davvero bene ma non abbiamo vinto niente, forse quest'anno ce la facciamo».

L'importanza del goal

«Fare la punta centrale è una responsabilità: devi segnare, e se non lo fai significa che non sei fortissimo. È un aspetto del nostro lavoro che non dipende dalla squadra in cui giochi». A proposito di goal, ce n'è uno che è rimasto nel cuore dell'attaccante polacco: «Ricordo l'ultimo contro la Sampdoria, ce l'ho ancora in testa. Ora sono felice per il nuovo campionato. Aspettiamo di iniziare, in ritiro stiamo lavorando tantissimo».

«Io capocannoniere? L'importante è pensare gara dopo gara»

Il calciatore azzurro ha le idee chiare sui suoi obiettivi per la prossima stagione: «Il prossimo anno voglio giocare bene, tanto e da titolare». Ma i numeri non contano: «Raggiungere 30 goal? Si può raggiungere tutto, ma non ho mai pensato ai numeri. L'importante è pensare gara dopo gara».

L'umiltà di Milik

Nelle ultime settimane si è sentito molto parlare di un possibile ritorno di Cavani all'ombra del Vesuvio. Ma il centravanti polacco non è preoccupato: «Io non leggo nulla, ve lo giuro, sono sono concentrato sul mio lavoro. Secondo me Cavani è più forte di me, non c'è dubbio. Però sono più giovane, posso ancora migliorare tanto. Magari lo affronto in Champions». Vince il singolo o la squadra? «Sempre la squadra. Ma vuoi parlare di Ronaldo? Per me, con Messi, è il migliore al mondo, ha vinto quasi tutto. Ho tanto rispetto ma speriamo di vincere noi quest'anno».

«Napoli? Mai visto un tifo così!»

Non è mancata qualche parola sull'affetto dei supporter azzurri: «Difficile spiegare questa cosa, mai visto quello che succede a Napoli con i tifosi. Non ho mai visto queste cose. A Napoli ti abbracciano tutti, per i tifosi il calcio è vita. Tutti conoscono i giocatori, la squadra. È una cosa pazzesca e particolare. Quando sto con la mia famiglia voglio stare tranquillo, ma so bene che i tifosi sono innamorati di noi ed è giusto sia così».

© Riproduzione riservata