Giovedi 14 dicembre 2017 07:24

Allegri in conferenza: «Napoli non è l’ultima spiaggia, anche loro sono in ritardo»




TORINO - «Quando sei la Juve, due punti in tre partite in casa non vanno bene». Massimiliano Allegri non può essere soddisfatto dell'inizio della stagione bianconera. Nella conferenza stampa precedente la sfida al San Paolo contro il Napoli, il tecnico juventino analizza ciò che non va: «Bisogna essere più cinici. Non si può tirare trenta volte in porta e non portare a casa la vittoria, magari prendendo goal sull'unico corner subito. Abbiamo bisogno di serenità, l'importante è fare buone prestazioni». A Napoli mancheranno alcuni elementi importanti, indisponibili. «Lichtsteiner sta facendo degli esami - spiega Allegri -, Caceres dovrebbe tornare da mercoledì. Khedira tornerà da domenica, Marchisio rientrerà dopo la sosta. Morata sarà a disposizione per domani, Asamoah ha fatto la partitella con la primavera». La sfida del San Paolo, secondo Allegri, non è da dentro o fuori, «ci saranno altre sfide importanti, vanno affrontate con cattiveria, serenità e entusiasmo. La pressione esiste per le grande squadre, dobbiamo conviverci. Voglio poche parole e tanti fatti». Sul Napoli: «E' una buona squadra. Sarri sta lavorando bene, trovando buoni risultati in Europa League, ma con qualche difficoltà in campionato. Anche loro sono un po' in ritardo, ma hanno dato segni di crescita. Quello di domani sarà uno scontro diretto come contro Roma e Inter». Chiosa sugli obiettivi della squadra bianconera: «A Natale dirò dove possiamo arrivare, abbiamo due mesi per rimetterci in piedi. L'obiettivo è risalire la classifica e passare il turno in Champions». © Riproduzione riservata