Sabato 23 settembre 2017 09:27

Allan: «Sarri è un martello, non si accontenta mai. Hamsik? Un campione, ma è sottovalutato»




A otto partite dal termine del campionato, Allan è pronto per il rush finale: «Ci sono ancora 24 punti in palio e dobbiamo affrontare ogni singolo incontro come se fosse una finale - ha dichiarato in un'intervista rilasciata a Il Corriere del Mezzogiorno - Non sarà facile perchè la Juventus le vince tutte, e dietro di noi c'è una Roma in grandissima forma. Ma noi dobbiamo pensare a noi stessi e provare a fare il meglio possibile, alla fine tireremo si vedrà. Scudetto? Sarebbe una cosa meravigliosa, non voglio neanche immagine cosa potrebbe accadere in città». «Noi e la Juventus siamo sullo stesso livello, due squadre con un bel gruppo e tanti campioni. Quando i bianconeri giocano guardo le loro partite in tv perchè mi piace il bel calcio, ma non mi faccio condizionare, una volta in campo con la mia squadra la Juve non esiste più». Su Hamsik: «E' un giocatore fortissimo, tatticamente e tecnicamente, per non parlare delle qualità umane. Credo che in Italia sia leggermente sottovaluto, ma posso assicurarvi che vederlo giocare da vicino è una meraviglia». «Sarri è un martello, ci entra nella testa con le sue parole - ha concluso il centrocampista azzurro - Non si accontenta mai, ci chiede sempre di più anche dopo una vittoria, è incredibile. E' un grande allenatore perchè sa stimolarci e farci crescere. Un difetto? Fuma davvero troppo». © Riproduzione riservata