Giovedi 23 novembre 2017 06:09

Milik, Mertens e Callejon affondano il Milan, prima vittoria in campionato per il Napoli




Il Napoli porta a casa la prima vittoria del suo campionato, battendo per 4-2 il Milan al San Paolo. Sarri parte con Mertens e Milik dal primo minuto, tenendo in panchina i titolari di Pescara, Insigne e Gabbiadini. La scelta gli dà ragione: saranno loro i grandi protagonisti della serata. Montella risponde con il solito 4-3-3. In difesa c'è il paraguaiano Gustavo Gomez, all'esordio in Serie A. DOPPIO MILIK - Poca intensità in avvio. Le due squadre risentono ancora dei carichi di lavoro estivi. Il Milan prova a tenere alte le linee. Bonaventura gioca a ridosso del tridente d'attacco e Suso ha il compito di dare profondità alla manovra con le sue percussioni dalla destra. L'occasione del vantaggio rossonero arriva al 7' quando Abate, solo è dimenticato dalla retroguardia azzurra, non ci crede e impatta male un assist di Niang. Ha maggiore fortuna il Napoli che trova il goal al primo affondo. La percussione di Mertens si conclude con un tiro a giro che si stampa sul palo, sulla ribattuta c'è Milik che insacca a porta vuota. È il 18'. Il vantaggio scioglie il Napoli che prende il pallino del gioco. Mertens è una spina del fianco. Le sue conclusioni a giro impegnano Donnarumma che è chiamato, in due occasioni, a fare gli straordinari. Il portierone milanista nulla può al 32' quando, su calcio d'angolo, Milik si innalza al centro dell'area di rigore e incorna il 2-0. Il Milan, che pure aveva iniziato bene, cala. Il Napoli, allo scadere della prima frazione, potrebbe addirittura portarsi sul 3-0 ma l'ennesimo spunto di Mertens si conclude con un nulla di fatto. (ROSSO)NERI - La ripresa si apre con un uno-due del Milan che, in 10 minuti, prima accorcia le distanze e poi pareggia. La prima rete è di Niang che, dopo una percussione palla al piede, batte Reina con un diagonale rasoterra da posizione defilata. Cinque minuti dopo Suso pesca il jolly con una conclusione dal limite che si insacca sul palo lungo. L'azione, secondo Sarri, è viziata da un'irregolarità. Le sue proteste, però, servono a poco. Anzi, gli fruttano l'espulsione. La partita, che sembrava pendere nettamente in favore del Napoli, torna equilibrata sul piano del gioco, oltre che nel risultato. Ma gli azzurri possono contare su un Mertens incontenibile. Zielinski, appena entrato, trova il belga che - con l'ennesimo tiro a giro - chiama Donnarumma ad una respinta sulla quale irrompe Callejon per il 3-2. Al 76' il Milan resta in 10 per l'espulsione di Kucka che becca la seconda ammonizione per un fallo a centrocampo. Il Milan perde anche Niang nel finale che, ingenuamente, riceve il secondo giallo per un fallo su Reina. Nel recupero arriva anche il 4-2. Insigne, subentrato a Mertens, si invola sulla sinistra e mette al centro. Sul pallone si avventano Callejon e Romagnoli, tocco dello spagnolo e palla che ruzzola in rete. Finisce tra fuochi e canti. Il Napoli si riprende il San Paolo.