Lunedi 20 novembre 2017 12:46

Sampdoria-Napoli 2-4, Sarri: «Sono contentissimo. La squadra ha dato tutto»
Il tecnico del Napoli ha rilasciato alcune dichiarazioni al termine della sfida contro la Sampdoria, ultima gara di campionato.

28 maggio 2017



Non basta il 2-4 per il Napoli: gli azzurri concludono la stagione al terzo posto. Al termine della sfida a Marassi, il tecnico partenopeo, Maurizio Sarri, ha parlato ai microfoni di SkySport: «Non abbiamo grandi rimpianti per questa stagione: abbiamo fatto 48 punti nel girone di ritorno, 28 solo in trasferta. C’è stato un periodo di flessione quando abbiamo perso Milik e Albiol, abbiamo dovuto recuperare equilibrio. Non è opportuno parlare di singole partite, un passo falso è fisiologico. Gli errori li abbiamo fatti nelle gare finite 1-1, dove abbiamo avuto tante occasioni. Ma siamo contenti per il nostro percorso, stiamo crescendo anche in mentalità. Oggi ne è l’esempio: la squadra ha dimostrato grande determinazione nonostante non ci fossero possibilità di arrivare secondi. È un segnale importante».

«Sono contento, questo gruppo è nella storia»

La Roma ha battuto il Genoa all'Olimpico: gli azzurri dovranno giocare i preliminari di Champions League. La squadra ha già iniziato a pensarci?: «A dire il vero non abbiamo ancora cominciato a lavorarci. Nessuno di noi dello staff ha esperienze di questo tipo: probabilmente faremo carichi meno elevati». Oggi gli azzurri sono stati davvero ad un passo dal secondo posto: «Ci ho creduto poco - ha dichiarato Sarri -. Era chiaro che negli ultimi minuti la Roma avrebbe tentato il tutto per tutto». Non sono mancate parole di elogio per i suoi: «La squadra ha ottime qualità, piccoli deficit sotto altri punti di vista dipendono dalle caratteristiche di alcuni giocatori. Non penso che sia facile migliorare una squadra che ha totalizzato 48 punti in un girone. È difficile e costoso». Dare un voto alla squadra?: «Altissimo. È un gruppo che ascolta e nei momenti difficili non ha ceduto. È nella storia del calcio italiano per goal in trasferta, è un dato importante. Non amo dare voti, ma sono contento. Li sto vedendo con una convinzione forte».

 

© Riproduzione riservata