Venerdi 24 novembre 2017 15:54

Allo stadio con i biglietti taroccati, denunciati 35 tifosi del Napoli

28 giugno 2017



REGGIO EMILIA - La polizia di Stato di Reggio Emilia ha individuato e denunciato in concorso tra loro 35 sostenitori del Napoliper il reato di sostituzione di persona. I fatti si riferiscono alla partita di calcio Sassuolo-Napoli svoltosi il 23 aprile scorso al Mapei Stadium.

Circa 40 minuti prima dell’inizio della partita, un gruppo di supporters partenopei raggiungeva il cancello di pre-filtraggio del settore di tribuna laterale nord ed entrava nell’area di filtraggio mostrando sbrigativamente i biglietti, raggiungendo direttamente i tornelli. I primi tifosi entravano dai tornelli fino all’arrivo di altri steward che provvedevano a bloccare la restante parte del gruppo per sottoporla ai normali controlli di sicurezza.

Terminate le operazioni di filtraggio il lettore ottico dei tornelli non effettuava la corretta lettura dei biglietti di tribuna laterale in possesso di  dodici tifosi ospiti pertanto il responsabile del controllo accessi del Sassuolo Calcio procedeva a verificare manualmente la corrispondenza tra biglietti e documenti dei singoli supporters. Analogamente personale della polizia scientifica della Questura di Reggio Emilia effettuava il medesimo controllo a carico di altri undici supporters napoletani. Concluse regolarmente e senza turbative tutte le necessarie verifiche, i tifosi partenopei facevano il loro ingresso nel settore di tribuna laterale nord per assistere alla partita.

Modificati i dati sostituendo la dicitura "Under16" con "Intero"

Da un successivo controllo effettuato sulle anagrafiche inserite in banca dati durante l’acquisto, è emerso che tutti i biglietti mostrati, pur coincidendo nel nome e nel cognome, risultavano associati a date di nascita non corrispondenti a quelle riportate sui documenti esibiti allo stadio all'atto del controllo, con evidenti anomalie nelle date di nascita inserite al momento dell’acquisto on-line con anni 2004-2005, e nel tipo di tagliando, trattandosi di titoli emessi per i settori di tribuna laterale inferiore e distinti "Under16" e non "Intero" come sarebbe dovuto essere per persone tutte palesemente maggiorenni.

In sostanza, dalle indagini della Digos, in collaborazione con quella di Napoli, è stato possibile accertare, anche attraverso il  confronto dei biglietti "originali" con le fotografie di quelli presentati dai tifosi allo stadio, che i file in formato pdf scaricati all'atto dell’acquisto on-line dal portale Vivaticket erano stati modificati prima della stampa, sostituendo la dicitura "Under16" con "Intero" , e la cifra di vendita del "ridotto" con l’importo "intero" relativo al settore di riferimento.

Infatti tutti i tifosi facenti parte del gruppo controllato non avrebbero potuto acquistare regolarmente il biglietto essendo sprovvisti della tessera del tifoso, requisito necessario per l'acquisto di tagliandi da parte di supporters provenienti dalla Regione Campania. Nei confronti dei predetti il questore di Reggio Emilia sta valutando l’emissione del daspo.

© Riproduzione riservata