Martedi 12 dicembre 2017 05:28

Pari giusto al Franchi. Fiorentina-Napoli finisce 1-1, la Juve ora è a +3




FIRENZE - Pareggio giusto. Fiorentina-Napoli finisce 1-1. Un risultato che rende felici la Juventus, che vola a +3 sugli azzurri, e la Roma, che aggancia i viola in terza posizione. Ai punti i padroni di casa meritano qualcosa in più ma nessuna delle due squadre ha acquistato una supremazia tale da giustificare un risultato diverso dal pari. Grande attesa prima della partita. Bernardeschi parte dalla panchina, Paulo Sousa punta su Mati Fernandes. Il cileno lo ripaga con una buona prestazione, svariando sull'intero fronte offensiva. Il tecnico viola può contare anche sulla rapidità di Tello, spina nel fianco di Ghoulam. Il Napoli scende in campo con il solito undici. Jorginho al centro, investito del ruolo di metronomo, è il collettore del gioco azzurro. C'è Insigne, nonostante la rapina patita sabato sera. BOTTA E RISPOSTA - Inizio da elettroschock. Fa tutto Marcos Alonso. Porta in vantaggio la Fiorentina al 6' con uno stacco imperioso su calcio d'angolo e dopo meno di un minuto regala a Higuain la palla del pareggio azzurro. Palla al centro, lancio di Koulibaly, svarione del terzino viola e tap in a porta vuota dell'argentino che torna a segnare dopo un'astinenza durata tre turni. E' una bella partita. La Fiorentina prova a ragionare, il Napoli non butta mai via la palla. In qualche caso gli azzurri si concedono qualche eccesso di sicurezza, permettendo ai viola di rendersi pericolosi. Accade in due di occasioni nel primo tempo. Al 31' Koulibaly perde il possesso di palla a centrocampo, concedendo un'autostrada a Kalinic. La cavalcata del croato si conclude con una legnata che si stampa sulla traversa. Sette minuti dopo è Tello a colpire il legno. Lo spagnolo si libera in area, dopo un errore del Napoli in uscita, e colpisce l'incrocio dei pali. Sarebbe fuorigioco, ma la bandierina non si alza. Dal lato opposto, al di là di qualche tentativo estemporaneo, Tatarusanu deve solo controllare un colpo di testa di Hamsik nel finale di tempo. L'ultima emozione della prima frazione, però, è di marca viola: tiro dal limite di Badelj, palla di poco a lato. PARI E PATTA - La Fiorentina alza la pressione in apertura di ripresa ma la grande occasione è del Napoli. Al 57' Tatarusanu compie due miracoli, sulla prima conclusione di Callejon e sul secondo tentativo di Higuain. La doppia occasione arriva dopo una palla persa a centrocampo dai viola. Paulo Sousa si arrabbia. Il Napoli prova a trovare la spinta giusta dal brivido procurato ai tanti presenti al Franchi. Sarri prova a rinvigorire l'azione con l'ingresso di David Lopez, che subentra ad un opaco Allan. La risposta fiorentina è Bernardeschi, al posto del generoso Mati Fernandez. Nonostante il passare dei minuti, il ritmo resta alto. Le azioni si sviluppano a folate. C'è voglia, ma anche acido lattico. Le squadre così si allungano di qualche metro. Nel finale entra anche Mertens e offre qualche spunto interessante. Al di là di una conclusione di Insigne nel finale, non si registrano particolari emozioni. Finisce 1-1. E' stato uno spettacolo all'altezza culminato in un pareggio che, a conti fatti, serve più al Napoli. Ora i punti di vantaggio sui viola sono sei, in base agli scontri diretti. Ma per lo scudetto serve ben altro. © Riproduzione riservata