Lunedi 23 ottobre 2017 15:28

Inter-Napoli, Sarri: «Non sarà facile. Futuro? Sono a disposizione»
Maurizio Sarri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match di domani sera contro l'Inter, il tecnico azzurro non si fida della squadra nerazzurra nonostante il ruolino di soli due punti nelle ultime cinque partite

29 aprile 2017



«Dobbiamo giocare per vincerle tutte». Maurizio Sarri suona la carica in vista della sfida di San Siro contro l'Inter. «La convinzione deve essere forte e feroce - spiega il tecnico del Napoli in conferenza stampa -. Non so se possa bastare per arrivare secondi, però è ancora il nostro obiettivo». Il Napoli troverà una squadra reduce da un periodo tutt'altro che positivo con soli due punti nelle ultime cinque partite. «Mi aspetto una reazione forte dall'Inter. Andare a San Siro contro di loro non è semplice. Da quando c’è Pioli hanno fatto un percorso ottimo. È una partita complicata, al di là del momento contingente».

No al cambio di modulo

Il Napoli è reduce dal pareggio di Sassuolo, una partita che ha evidenziato come la squadra abbia ancora qualche difficoltà nel controllare le partite. «Abbiamo una determinazione ed una cattiveria agonistica superiore rispetto allo scorso anno. Il problema è che, quando abbiamo la partita in mano, troppo spesso ce la facciamo scivolare». Il problema, per il tecnico, non è il modulo. Qualcuno ha ipotizzato un passaggio al 4-2-3-1, ma Sarri smonta ogni possibilità. «Mi sembra assurdo dover togliere un centrocampista per mettere un attaccante in più, sarebbe contraddittorio per una squadra che segna già così tanto. Piuttosto il nostro equilibrio, che va trovato in futuro, è quello di prendere meno goal».

«Futuro? Sono a disposizione»

Sul futuro, pochi dubbi. «Ho un contratto con il Napoli e mi sono messo a disposizione del presidente. Gli ho sempre detto che se non è contento io rassegno le dimissioni e se poi non sono contento io il presidente mi ascolterà ma glielo dirò in estate». «Per dare proseguimento al progetto - prosegue - bisogna considerare che coinvolge anche i giocatori. Se il presidente ha questa volontà, io ho questa volontà". Sulle prospettive per il prossimo campionato e sul sogno scudetto, Sarri ha ribadito: «Il nostro scudetto di oggi è il secondo posto. Il tricolore è un sogno. Prima o poi Milan e Inter torneranno ai loro livelli, ci saranno problematiche maggiori,  ma non vanno ad inficiare ciò che possiamo sognare».

© Riproduzione riservata