Martedi 26 settembre 2017 03:49

Choc a Molfetta, 17enne tenta il suicidio: per gli investigatori potrebbe essere un caso di “Blu Whale”

02 giugno 2017



MOLFETTA (BA) - Un 17enne di Molfetta, in provincia di Bari, è stato salvato in extremis dai militari dai suoi propositi di togliersi la vita sui binari. Il giovane è stato raggiunto dai carabinieri - giunti in stazione in seguito a una segnalazione anonima giunta alle 6 del mattino - che lo hanno tratto in salvo intervenendo appena in tempo, mentre un convoglio sopraggiungeva a tutta velocità. Quando i militari lo hanno messo in sicurezza, hanno notato numerosi tagli su braccia, mani e fronte: tagli orizzontali, verticali e circolari, da cui fuoriusciva ancora sangue. Davanti agli investigatori, sembrerebbe il giovane si sia immediatamente giustificato, giurando che non si trattava di "Blu Whale", sebbene nessuno dei militari presenti in quel momento gli abbia rivolto una simile domanda.

I dubbi degli agenti

La reazione del ragazzo, oltre ai segni di chiaro autolesionismo, ha insospettito gli agenti che hanno immediatamente proceduto a sequestrare tutti i dispositivi elettronici per verificare la presenza di eventuali elementi utili per ricondurre l'accaduto al terribile 'gioco' online, e alle sue 50 regole che porterebbero alla morte. Sulla vicenda ha aperto un fascicolo anche la Procura per i minorenni di Bari.

Le dichiarazioni del procuratore

«Apparentemente sembrerebbe un caso di "Blue Whale". E nel nostro distretto sarebbe il primo - ha detto il procuratore minorile Ferruccio De Salvatore - ma cercheremo di capire nei prossimi giorni a cosa può ricondursi questo comportamento, quali siano causa e origine del malessere di questo ragazzo. Trattandosi di un problema che ha carattere nazionale vedremo anche nelle altre città quanti casi si sono verificati e con quali modalità. Bisogna capire in che termini il fenomeno si sta diffondendo. Se si tratta cioè di condotte di tipo imitativo, dovute a curiosità, oppure riportabili a vere e proprie associazioni che operano in Internet».

© Riproduzione riservata