Venerdi 22 settembre 2017 17:05

Costa Concordia, la Cassazione conferma la condanna di Schettino a 16 anni di galera

13 maggio 2017



ROMA - Francesco Schettino, l'ex comandante della Costa Concordia va in galera per il naufragio della nave da crociera, ormai smantellata, avvenuto il 13 gennaio 2012 nei pressi dell'isola del Giglio con un bilancio di 32 morti. A stabilirlo è l'ultima sentenza della Corte di Cassazione che ha condannato l'ex comandante a 16 anni di reclusione.

Per prescrizione sono stati eliminati due mesi di arresto per delitti contravvenzionali. E' stato respinto, infine, il ricorso del pg di Firenze che chiedeva per l'imputato una pena più alta.

Schettino ha atteso il verdetto davanti al penitenziario romano di Rebibbia. «Busso in carcere per costituirmi perché credo nella giustizia», sono le prime parole dell'ex comandante. «Non sono più quello di una volta, la mia vita è cambiata nel dolore - ha aggiunto - Non ho paura del carcere, fa paura solo la coscienza e la mia è pulita». Mentre l'avvocato che lo rappresenta ha annunciato: «Faremo ricorso alla Corte di Strasburgo, per violazioni di alcuni diritti difensivi. Purtroppo, in Italia c'è bisogno sempre di un capro espiatorio».

© Riproduzione riservata