Domenica 20 agosto 2017 09:53

Napoli piange Pierino Munari, è morto “il polso d’oro” della batteria




ROMA - La musica italiana è in lutto. È morto Pierino Munari, uno dei più versatili batteristi italiani, detto 'l'uomo dal polso d'oro'. Originario di Frattamaggiore, in provincia di Napoli, avrebbe compiuto a settembre 90 anni. La scomparsa, avvenuta a Roma qualche giorno fa, è stata annunciata solo oggi dalla famiglia. Munari ha collaborato con i più grandi artisti italiani, da Mina a Johnny Dorelli a Lucio Dalla, da Rita Pavone a Gino Paoli, da Renato Carosone a Milva, da Gianni Morandi a Lelio Luttazzi.

Durante la sua lunghissima carriera è stato batterista batterista nel primo tour mondiale di Domenico Modugno e ha partecipato (come elemento d'orchestra) a sei edizioni di Sanremo, a vari Festival di Napoli e festival jazz internazionali. È stato una colonna portante della musica da film (suonando in oltre 500 colonne sonore), diretto da maestri come gli Oscar Ennio Morricone, Jerry Goldsmith, Nicola Piovani, Luis Bacalov, Miklós Rózsa e ancora Trovajoli, Piccioni, Cipriani, Ortolani.

© Riproduzione riservata