Martedi 17 ottobre 2017 02:54

Hotel Rigopiano, l’angoscia per Stefano. La rabbia del papà: «Mi hanno illuso»




PESCARA - Le operazioni di ricerca e salvataggio sotto le macerie dell'hotel Rigopiano vanno avanti senza sosta ma le speranze di trovare vivo Stefano Feniello, il 28enne campano, si affievoliscono ora dopo ora. Era nella lista delle persone individuate insieme alla fidanzata ma, dopo il salvataggio di Francesca, il nome di Stefano è tornato tra i dispersi.

Un mix di angoscia e rabbia le parole del padre del 28enne originario di Valva (Salerno), che ieri ha rilasciato a Rep Tv: «Mi hanno dato la speranza e poi me l'hanno tolta. Io ho contato i minuti da ieri sera, ho guardato dentro ogni ambulanza che arrivava qui. Ho immaginato di abbracciare Stefano a ogni sportellone che si apriva. Ministri si devono vergognare. Hanno sequestrato trenta persone e passa in un hotel, con tutti i mezzi che abbiamo. Ci stanno solo prendendo in giro».

 

© Riproduzione riservata