Martedi 19 settembre 2017 17:13

Accoltellarono un turista perchè indossava la maglia della Lazio: in manette 13 ultras della Roma




ROMA - Tredici ultras giallorossi - tutti riconducibili al gruppo "Roma", diversi dei quali pregiudicati - sono stati sottoposti a misura cautelare dagli agenti della polizia di Stato e dalla Digos, al termine di una vasta operazione che ha portato all'identificazione dei responsabili dei tafferugli avvenuti nella Capitale il 3 aprile del 2016, a poche ore dal derby tra Roma e Lazio.

Gli incidenti

I fatti si verificarono all'esterno di un pub di via Palestro, dove alcuni turisti svedesi erano intenti a consumare la cena. A inchiodare i violenti le immagini delle telecamere di videosorveglianza, che mostrano chiaramente come il raid, organizzato per "punire" un turista scandinavo che indossava la maglia della Lazio, fu preceduto da ripetuti sopralluoghi per meglio pianificare l'azione. Poi l'attacco, fulmineo, che colse di sorpresa le vittime senza lasciar loro via di scampo. Nel corso degli scontri il cittadino svedese fu colpito alla testa con un casco e ferito da una coltellata al gluteo. Successivamente la violenza dei teppisti di fede giallorossa i concentrò verso le suppellettili del locale e alcuni veicoli in sosta nelle vicinanze. A farne le spese anche un passante, aggredito a calci e pugni anche un passante che stava documentando con il proprio cellulare, quanto stava accadendo.

© Riproduzione riservata