Mercoledi 13 dicembre 2017 23:53

Armi a gruppi Isis, il gip conferma: carcere per i coniugi di San Giorgio a Cremano

01 febbraio 2017



NAPOLI - Si è avvalso della facoltà di non rispondere l'uomo di San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli, convertito all'Islam e "radicalizzato", coinvolto in un'indagine sulla fornitura di armi ad un gruppo dell'Isis attivo in Libia sia all'Iran. L'uomo, fermato ieri insieme alla moglie,  è comparso davanti al gip Luisa Toscano assistito dal suo avvocato durante l'udienza di convalida del fermo nel carcere di Poggioreale.

Articoli correlati

Traffico di armi con Iran e Libia, arrestata coppia di San Giorgio a Cremano

San Giorgio a Cremano: traffico di armi, il sindaco Zinno: «Grazie alla Dda di Napoli»

La decisione di non rispondere sarebbe motivata dalla necessità di approfondire la lettura degli atti. Probabilmente l'indagato si renderà disponibile per un interrogatorio davanti ai pm della Dda di Napoli. Il gip del tribunale di Napoli, Luisa Toscano,  ha disposto per entrambi la custodia cautelare in carcere, accogliendo le richieste dei pm della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli Catello Maresca e Maurizio Giordano.

© Riproduzione riservata