Domenica 24 settembre 2017 17:51

Pasquale Scotti sarà estradato in Italia, torna l’ultimo boss della camorra cutoliana




ROMA - Pasquale Scotti sarà estradato in Italia. Il Governo brasiliano accoglie positivamente la richiesta del ministro della Giustizia Andrea Orlando che permetterà riportare in Italia uno dei più pericolosi esponenti della Nuova Camorra Organizzata. Scotti, condannato per omicidio volontario e concorso in omicidio volontario, è stato arrestato in Brasile nel maggio 2015. Entro il prossimo 19 marzo, sarà condotto in un carcere italiano. L'iter della procedura di estradizione si conclude positivamente, dopo la doppia pronuncia positiva della Corte Suprema Federale del Brasile del 20 ottobre e del successivo 15 dicembre 2015. Scotti sarà condotto in Italia entro 20 giorni dalla comunicazione brasiliana e sconterà la pena di 30 anni di reclusione, comprensiva del periodo di detenzione in Brasile, come richiesto dall'autorità giudiziaria brasiliana e ai sensi del Trattato bilaterale in materia di estradizione sottoscritto nel 1989. La latitanza di Scotti era iniziata il 23 dicembre 1984 quando evase dall’ospedale civile di Caserta dove era stato ricoverato per una ferita alla mano. Pascalino ‘o Collier, soprannominato così per un costoso regalo alla moglie di Cutolo, era ricercato in campo internazionale dal 1990. E' riuscito a rimanere uccel di bosco fino al 26 maggio dello scorso anno quando fu arrestato a Recife, dove si era rifatto una vita come imprenditore nel campo della vita notturna e della produzione di fuochi d'artificio. © Riproduzione riservata