Martedi 22 agosto 2017 01:37

Donna uccisa a Licola, si fa largo l’ipotesi di un omicidio tra alcolisti




POZZUOLI - Continua ad essere un giallo il ritrovamento del cadavere di una donna polacca di 38 anni, scomparsa lo scorso 26 luglio, nelle campagne adiacenti i binari della Circumflegrea a Licola. I Carabinieri della compagnia di Pozzuoli, coordinati dal comandante Elio Norino e dal capitano Gianfranco Galletta, indagano a ritmo serrato per individuare movente e omicida. Ieri hanno sentito altre persone. Interrogati il marito della donna e i parenti più stretti. Gli inquirenti puntano a ricostruire le ultime ore di vita della donna, nella speranza di individuare qualche elemento utile alle indagini. La chiave potrebbero essere le cattive frequentazioni della vittima, dedita - a quanto pare - all'abuso di alcol. Non è chiaro, al momento, se l'omicidio è la conseguenza di un litigio finito male o è stato premeditato. I carabinieri restano chiusi nel più stretto riserbo, ma non escludono nessuna pista. L'unica cosa certa è che sul corpo della donna sono stati rinvenuti segni di violenza. L'omicida l'ha prima strangolata e poi ha gettato il corpo della vita nel punto in cui è stato ritrovato. Probabile che il luogo dello strangolamento sia stato un altro, non lontano da lì. © Riproduzione riservata