Venerdi 18 agosto 2017 05:10

Al via la raccolta porta a porta al centro storico, addio a 109 cassonetti




NAPOLI - Dal prossimo 2 novembre al centro storico partirà la raccolta porta a porta. Spariranno, dunque, da piazze e strade ben 109 cassonetti. L’area interessata è quella interna al perimetro costituito da piazza Dante, via Monteoliveto, via S.Anna dei Lombardi, corso Umberto, via Pietro Colletta, via Domenico Cirillo, via Foria e piazza Cavour. Il progetto coinvolge 30mila abitanti di cui 13mila famiglie residenti e circa 2mila attività commerciali. La distribuzione dei kit per famiglie e commercianti si svolgerà dal 5 al 28 ottobre e per spiegare alla popolazione le modalità del servizio in piazza San Domenico Maggiore e in piazza Gerolomini, dal 7 al 28 ottobre, saranno allestiti appositi punti informativi. La raccolta porta a porta sarà a cinque frazioni: carta, plastica e metalli, vetro, non riciclabile e umido che sarà raccolto dall’Asia tre volte a settimana per quanto riguarda le famiglie e tutti i giorni per le attività commerciali, vista anche la forte presenza nel centro storico di locali di ristorazione. Il piano prevede anche il potenziamento della raccolta dei Raee grazie all’impiego dell’unità mobile che sarà presente in alcune piazze del centro dal 15 ottobre al 30 novembre e nello stesso periodo saranno allestite anche aree per la raccolta degli ingombranti. Il piano mira anche a migliorare la pulizia delle strade e delle piazze del centro grazie all’impiego di quattro nuove mini spazzatrici e all’acquisto, da parte di Asia, di nuovi mezzi di dimensioni più piccole per poter recuperare i rifiuti anche nelle strade più strette. «Con coraggio lanciamo una sfida che potrebbe essere decisiva perché vedere il centro storico senza cassonetti significa non solo migliorare l'igiene urbana, ma è anche un'opera significativa di riqualificazione e decoro» ha spiegato il sindaco Luigi De Magistris invitando a cittadini, commercianti e turisti «a partecipare e a rendersi protagonisti così da raggiungere gli stessi ottimi risultati che l'amministrazione e l'Asia registrano nei Quartieri Spagnoli dove la sfida è stata vinta grazie alla volontà di chi vi abita». © Riproduzione riservata