Martedi 17 luglio 2018 09:24

Napoli, l’assessore Villani querela il vandalo di piazza Carlo III

03 gennaio 2017

NAPOLI - L'assessore con delega al decoro urbano, Daniela Villani, ha annunciato in una nota del Comune di Napoli che querelerà il teppista che ieri ha danneggiato le nuove aiuole di piazza Carlo III. Il vandalo è scampato a stento al linciaggio della folla, inferocita per il folle gesto. A salvarlo è stata la Polizia, che lo ha arrestato. La piazza, riqualificata e riconsegnata alla città appena lo scorso 22 dicembre, aveva subito atti vandalici già all'indomani dell'inaugurazione.

«Danno di circa 5mila euro»

«Nel ringraziare la Polizia di Stato per la fattiva collaborazione - si legge nel comunicato -  giacché aveva già fermato l’autore del deprecabile gesto, l’Assessora Daniela Villani ha deciso di querelare il vandalo, persona già nota alle forze dell’ordine che ha agito con predeterminazione e non un folle in preda ad un raptus. Insieme al presidente della IV Municipalità, Giampiero Perrella, gli assessori municipali Giovanni Parisi e Armando Simeone, e al consigliere Stefano Maria Capocelli, dopo aver constatato la devastazione in cui versavano le aiuole, l’Assessora ha poi provveduto a formalizzare in Caserma la denuncia». «Il danno stimato - prosegue la nota - è di circa 5 mila euro, nella denuncia sono ascritte 40/50 piante tra arbusti e piantine ornamentali, che erano state da poco ripiantate dal Vicesindaco Raffaele Del Giudice a seguito del primo attacco vandalico».

«Grazie ai residenti che hanno bloccato il teppista»

L'assessore Villani ha poi voluto rivolgere un plauso ai residenti che non sono rimasti a guardare, bloccando il teppista, già noto alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio. «Gli atti vandalici, riportati da varie testate giornalistiche e televisive, hanno già abbondantemente danneggiato l'immagine della nostra città. La buona notizia è che il colpevole è stato assicurato alla giustizia, anche grazie ai cittadini che lo hanno prontamente bloccato: sicuramente l'acuto senso civico e l’atteggiamento non omertoso dei presenti, sono indicativi di un fondamentale e rinnovato interesse per il bene comune da parte dei cittadini, vere sentinelle della legalità sui territori».

© Riproduzione riservata